Seersucker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tessuto seersucker

Il seersucker è un fine tessuto di cotone usualmente a righe, usato per confezionare indumenti estivi.

Il seersucker fu originariamente sviluppato in India. Il termine deriva dai termini hindi, urdu, e persiano shir o shakar che significa "latte e zucchero"[1].

È ottenuto montando in ordito fili con tensioni diverse, gruppi di fili tesi, alternati a gruppi di fili molto lenti che danno al manufatto un aspetto arricciato, effetto che viene ottenuto anche con l'applicazione di soluzioni di soda caustica che provoca il restringimento delle strisce di tessuto a cui viene applicata[2]. Questa caratteristica fa sì che il tessuto non resti appiccicato alla pelle, facilitando la traspirazione, la dissipazione del calore ed il passaggio dell'aria.

L'effetto stropicciato naturale permette di avere un aspetto elegante anche a chi si trova ad operare in ambienti molto caldi. Altresì non è necessario stirare i capi.

Fu inizialmente usato negli Stati Uniti dagli operai ma più tardi fu adottato dalle classi più alte e divenne un capo imprescindibile nel guardaroba dei gentlemen del sud.

I capi in cui si usa normalmente il tessuto seersucker sono camicie, pantaloni corti e giacche. I colori tradizionali sono bianco e blu ma si sono introdotte praticamente tutte le varianti di colore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Curiosita'
  2. ^ Tessuto seersucker - TEXSITE.info

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moda