Sansa (vegetale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rimasugli di mela dopo una spremitura

La sansa è la materia solida che resta dopo le procedure di spremitura e/o frantumazione di olive, uva, o altra frutta.

Essenzialmente si tratta di frammenti di nòccioli, pezzetti di buccia, piccoli semi e residui, solitamente ciò che avanza dopo l'estrazione di acqua, la spremitura di succhi e/o l'estrazione di oli dalla frutta in genere.

La sansa usualmente viene sottoposta a 2 o 3 procedimenti a ripetizione, detti ripassamenti, al fine di ricavare la massima quantità possibile di estratto liquefatto. Viene detta sansa esausta la materia che, esaurite le frazioni liquide, non si presta ad ulteriori ripassamenti.

Tipi[modifica | modifica sorgente]

Usi[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

agricoltura Portale Agricoltura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di agricoltura