Buccia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La buccia (Esocarpo) è lo strato protettivo esterno di un frutto (epidermide, formata a sua volta da cuticola e tessuto sclerenchimatico) o di un vegetale che può essere staccata. A seconda dei casi può costituire anche il 20% del peso del frutto[1] o il 40% come nel caso dei limoni.

Viene chiamato impropriamente anche scorza anche se il termine indica in realtà lo strato esterno dei fusti e delle radici delle piante. In botanica il termine epicarpo è più generico e comprensivo anche dei casi in cui la parte esterna non può essere staccata facilmente, si pensi alle noci.

Buccia di agrumi ricoperta di cioccolato

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

Gli utilizzi sono molteplici e non vengono limitati all'impiego in cucina.

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

Viene utilizzata per la preparazione di alcune marmellate, e di molti dolci come la linzertorte[2]

Inoltre rende evidente il grado di maturazione di alcuni frutti come il caso delle banane: tendente al verde in quelle acerbe, al giallo scuro con piccole chiazze marroni in quelle molto mature.

Altri usi[modifica | modifica wikitesto]

La buccia di alcuni frutti, come quello del melograno, una volta essiccata viene impiegata nella produzione di coloranti.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nel caso dell'acino infatti il suo peso varia dall' 8% sino al 20%. Come in Paolo Cabras, Aldo Martelli, Chimica degli alimenti: nutrienti, alimenti di origine vegetale. alimenti di origine animale, integratori alimentari, bevande, sostanze indesiderabili, Piccin, 2004, p. 524, ISBN 978-88-299-1696-2.
  2. ^ In questi casi si parla della buccia di un limone (solitamente una metà servita grattugiata). Come in Walther Moser, Aldo Martelli, Dolci austriaci e tedeschi, Giunti Editore, 2001, p. 18, ISBN 978-88-440-2198-6.