Salvatore Pappalardo (compositore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Salvatore Pappalardo (Catania, 1817Napoli, 1884) è stato un compositore italiano.

Iniziò gli studi a Catania e li proseguì nel Conservatorio di Palermo, sotto la guida di Pietro Raimondi.

Insegnò nell'Ospizio di beneficenza di Catania fino al 1845, dopo si trasferì a Napoli, dove gli venne conferito il titolo di Compositore di Camera del conte di Siracusa, don Leopoldo di Borbone. In seguito fu insegnante di contrappunto nell'albergo dei poveri di Napoli, cattedra che tenne fino alla morte. La sua attività di compositore fu prevalentemente rivolta al teatro. Compose molta musica da chiesa, ma ancor più interessante si presenta la sua musica da camera, particolarmente la raccolta di melodie per canto e pianoforte e un gruppo di quartetti per strumenti ad arco. Tanto le melodie che il quartetto, furono molto eseguiti in Germania.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Il Corsaro, 5 luglio, 1846 - Collezione Francesco Paolo Frontini

(Parziale)

  • Francesca da Ri­mini - composta nel 1844
  • Il Corsaro (Napo­li, 1846)
  • La figlia del Doge (Catania, 1855)
  • L'atrabiliare (Napoli, 1856)
  • Mirinda (Napoli, 1860)
  • Gustavo Wasa (Napoli, 1865)
  • Le diavolesse (Napo­li, 1878)
  • Le due ambasciatrici, non rappresentata.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Secoli di musica Catanese - ed. Giannotta

Controllo di autorità VIAF: 90506439