Regola del pollice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vignetta sul giudice Sir Francis Buller, venditore ambulante di bacchette a forma di pollice, per picchiare a norma di legge una moglie "arrugginita". Sullo sfondo, un uomo intento a usarne una su sua moglie : "È la legge: non è più grande del mio pollice!"

Regola del pollice è un modo di dire italiano che deriva dall'inglese rule of thumb. Viene spesso usato in ambito matematico, economico e informatico per indicare una linea guida o un principio, spesso dedotto dall'esperienza, indicato come valido nella maggior parte dei casi[senza fonte].

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Spesso l'origine viene erroneamente attribuita ad una vecchia legge secondo la quale non era ammesso picchiare la propria moglie con un oggetto più largo del proprio pollice.[1][2][3]

Altri sostengono che possa derivare dall'abitudine di inserire un dito (spesso il pollice) all'interno del mosto per valutare la temperatura e decidere il momento in cui inserire il lievito per produrre la birra.[4][5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Rule of thumb
  2. ^ Fabio Bacchini, Che cos'è l'amor: ciò che avete sempre saputo sull'amore ma non siete mai riusciti a spiegarvi, Baldini Castoldi Dalai, 2003.
  3. ^ Elogio dell'idiota
  4. ^ (EN) Useless Beer Facts
  5. ^ La regola del pollice

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) rule of thumb in Merriam-Webster's Collegiate Dictionary, Springfield, Merriam-Webster, 2004.
  • (EN) rule of thumb in Collins Dictionary of Business, Oxford, Collins, 2006.
  • (EN) rule of thumb in Collins Dictionary of Economics, Oxford, Collins, 2006.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura