Psyché

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Psyché (ψυχή) è un termine greco che indica una delle nozioni portanti dell'intero mondo classico[1]. La resa del termine in lingua italiana, come in qualsiasi altra lingua moderna, risulta piuttosto difficoltosa in quanto non riuscirebbe a coprirne l'intera area semantica. Genericamente il lemma moderno meno inadeguato può essere quello di "anima"[2].

L'unione e la distinzione tra psyché e thumos[modifica | modifica wikitesto]

Richard Broxton Onians (1899-1986)[3] rileva come ψυχή venga comunemente intesa come "anima-respiro" ma come anche lo stesso termine sia spesso correlato a quello di θυμός (thumos) dall'analogo significato.[4]

In altri casi è ben evidente che ψυχή e θυμός sono due elementi differenti; ad esempio:

(GR)

« ἀλλὰ τὰ μέν τε πυρὸς κρατερὸν μένος αἰθομένοιο
δαμνᾷ, ἐπεί κε πρῶτα λίπῃ λεύκ' ὀστέα θυμός,
ψυχὴ δ' ἠΰτ' ὄνειρος ἀποπταμένη πεπότηται »

(IT)

« ma la furia impetuosa del fuoco ardente
li disfa non appena θυμός abbandoni le bianche ossa
e la ψυχὴ come un'immagine di sogno vola via. »

(Odissea, XI, 220 e segg.)

o ancora

(GR)

« πολλοὺς γὰρ τόδε τόξον ἀριστῆας κεκαδήσει
θυμοῦ καὶ ψυχῆς »

(IT)

« Quest'arco priverà molti valenti
del θυμός e della ψυχή »

(Odissea, XI, 220 e segg.)

In tal senso θυμός viene usato quando questi è racchiuso nei polmoni (ritenuti organi dell'intelligenza) come un elemento caldo; il termine diviene invece ψυχή quando abbandona il corpo con l'ultimo respiro, divenendo un elemento freddo.

Ma accade anche che θυμός e ψυχή lascino insieme il corpo, tuttavia ψυχή lo abbandona giungendo nell'Ade come ἠύτ ὄνειρος (un fantasma visto in sogno) mentre θυμός viene distrutto dalla morte.

Onians ricorda come la ψυχή sia associata, come luogo, alla testa da dove veniva espirata, e che essa corrisponde piuttosto alla σκιά ( (skiá,ombra) come descritta nell'Odissea[5] piuttosto che all'anima-respiro (rientrando così nell'ambito del θυμός).

I significati di psyché in Platone[modifica | modifica wikitesto]

Sull'evoluzione dei significati di psyché è indicativo quanto afferma Platone:

(GR)

« ἶεν. ἄγει μὲν δὴ ψυχὴ πάντα τὰ κατ᾽ οὐρανὸν καὶ γῆν καὶ θάλατταν ταῖς αὑτῆς κινήσεσιν, αἷς ὀνόματά ἐστιν βούλεσθαι, σκοπεῖσθαι, ἐπιμελεῖσθαι, βουλεύεσθαι, δοξάζειν ὀρθῶς ἐψευσμένως, χαίρουσαν λυπουμένην, θαρροῦσαν φοβουμένην, μισοῦσαν στέργουσαν, καὶ πάσαις ὅσαι τούτων συγγενεῖς ἢ πρωτουργοὶ κινήσεις τὰς δευτερουργοὺς αὖ παραλαμβάνουσαι κινήσεις σωμάτων ἄγουσι πάντα εἰς αὔξησιν καὶ φθίσιν καὶ διάκρισιν καὶ σύγκρισιν καὶ τούτοις ἑπομένας θερμότητας ψύξεις, βαρύτητας κουφότητας, σκληρὸν καὶ μαλακόν, λευκὸν καὶ μέλαν, αὐστηρὸν [καὶ γλυκύ [6] »

(IT)

« Ebbene ψυχὴ dirige ogni cosa, tutte le realtà celesti, terrestri, marine, grazie ai suoi propri movimenti, i quali hanno un nome: volere, analizzare, avere cura, prender decisioni, giudicare bene e male, provar dolore e gioia, coraggio e paura, odio e amore, e tutti gli altri moti che possono essere assimilati a questi e che costituiscono i movimenti primari, guide di quelli secondari - i moti dei corpi - e determinanti in ogni cosa la crescita e la diminuzione, la separazione, e l'unione con quel che ne segue, ossia il caldo e il freddo, il pesante e il leggero, il bianco e il nero, l'aspro [e il dolce »

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giovanni Reale, Storia della filosofia greca e romana vol.9. Milano, Bompiani, 2004, pag.286
  2. ^ G. Reale, Op.cit.. ibidem
  3. ^ R. B. Onians, The Origins of European Thought, Cambridge, Cambridge University Press, 1951
  4. ^ Iliade, XXII 467-75 e V, 696 e segg. Ma vedi anche Iliade VII, 131 dove Nestore sostiene che qualora Achille fosse venuto a sapere del terrore degli Achei nei confronti di Ettore avrebbe pregato gli dèi di inviare il suo θυμός all'Ade mentre, in questo contesto è, in genere, la ψυχή ad essere indicata.
  5. ^ Odissea, X, 495, XI, 207.
  6. ^ Platone, Leggi X 896E897A