Pozzo artesiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acquifero artesiano.
Schema stratigrafico di un pozzo artesiano.

Un pozzo artesiano è un pozzo naturalmente effluente: le acque sotterranee arrivano direttamente in superficie senza alcun ausilio meccanico (pompe sommerse), poiché esse tendono a risalire, zampillando, fino alla quota della linea piezometrica (la quale sovente si trova sopra il piano campagna).

Il termine "artesiano" deriva dal nome della regione francese di Artois, dove la presenza di argille consente la formazione di acquiferi multistrato confinati.

I cosiddetti bacini artesiani sono degli acquiferi in pressione (grandi raccolte di acque sotterranee) in genere alimentati dall'infiltrazione delle acque meteoriche nel sottosuolo. Il lavoro che viene effettuato per estrarre le acque dai bacini artesiani è molto simile al lavoro effettuato dai pozzi petroliferi, che trivellano in profondità alla ricerca di petrolio.

Particolari bacini artesiani[modifica | modifica sorgente]

  • Un grande bacino artesiano è in Australia, si tratta del Grande Bacino Artesiano, una zona nel cui sottosuolo sono presenti grandi quantità di acque dei fiumi temporanei, che si trovano ad una profondità di 1500-2000 metri.
    Le acque del gigantesco bacino sono portate in superficie da circa 6000 pozzi artesiani.
  • Sono situati in genere, nell'Africa Araba proprio ad ovest del Nilo, dove vi è il deserto libico. Qui si creano piccoli insediamenti umani in cui molteplici sono proprio questi pozzi.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]