Parafimosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Per parafimosi si intende, in medicina, l'impossibilità nel procedere alla riduzione del prepuzio una volta retratto al di sotto del solco balano-prepuziale. Se non trattata può comportare gangrena.

Sintomatologia[modifica | modifica sorgente]

La parte anormalmente esposta e "strozzata" dal prepuzio a livello del solco balano-prepuziale è soggetta ad edema e la compressione del canale uretrale può impedire la fuoriuscita di urina comportando la ritenzione urinaria. In alcuni casi si associano aree di mucosa soggette ad ulcera.[1]

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

La causa principale è la presenza di fimosi, ovvero di un prepuzio che non arretra normalmente a livello del solco scoprendo il glande. Le cause principali di questa seconda condizione sono spesso correlate alla scarsa igiene della persona, diabete mellito, infezioni recidive. Il quadro di parafimosi si sviluppa più frequentemente in seguito ad un evento traumatico.

Bisognerebbe subito ridurre la parafimosi strigendo manualmente il glande per diversi minuti (anche 10), se non si ha successo occorre utilizzare la cosiddetta tecnica di Dundee, che prevede la ripetizione dell'operazione dopo aver cercato di sgonfiare l'edema usando un piccolissimo ago[2] oppure si ricorre ad una retrazione manuale da parte dell' urologo facendo fuoriuscire il liquido accumolatosi nell'edema.

Nei casi in cui la riduzione manuale sia impossibile, si può procedere, previa anestasia locale, a incisione di scarico a livello dorsale del cercine fibroso del prepuzio oppure a circoncisione in regime di urgenza.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Rangarajan M, Jayakar SM., Paraphimosis revisited: is chronic paraphimosis a predominantly third world condition? in Trop Doct., vol. 38, gennaio 2008, pp. 40-42..
  2. ^ Keith Stone, Humphries L.Roger, Guida pratica alla diagnosi e alla terapia in medicina d’urgenza 1ª edizione pag 106, Milano, McGraw-Hill, 2005, ISBN 88-386-3908-6.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Keith Stone, Humphries L.Roger, Guida pratica alla diagnosi e alla terapia in medicina d’urgenza 1ª edizione, Milano, McGraw-Hill, 2005, ISBN 88-386-3908-6.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina