Papiro 14

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papiro 14
Manoscritto del Nuovo Testamento
Simbolo \mathfrak{p}14
Testo Prima lettera ai Corinzi 1-3
Datazione V secolo
Scrittura lingua greca
Ritrovamento Sinai, Rendel Harris
Conservazione Monastero di Santa Caterina
Editio princeps James Rendel Harris, Biblical Fragments from Mount Sinai I, (London 1890), pp. 54-56
Dimensione 24,5 x 11,5 cm
Tipo testuale alessandrino
Categoria II

Il Papiro 14 (\mathfrak{p}14 nella numerazione Gregory-Aland; α 1036 nella numerazione von Sodel) è un frammento di un codice papiraceo del Nuovo Testamento in lingua greca, datato paleograficamente al V secolo.[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il manoscritto contiene alcuni brani della Prima lettera ai Corinzi (1:25-27; 2:6-8; 3:8-10.20), ed è scritto su di una colonna per pagina. Il testo greco di questo codice è rappresentativo del tipo testuale alessandrino; Kurt Aland lo collocò nella Categoria II.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

\mathfrak{p}14 fu scoperto nel Monastero di Santa Caterina sul Sinai da James Rendel Harris,[2] che ne pubblicò il testo nel 1890. Fu anche esaminato da Ellwood Schofield.[3]

Attualmente \mathfrak{p}14 è custodito nel monastero (collocazione Harris 14).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Kurt Aland e Barbara Aland, The Text of the New Testament: An Introduction to the Critical Editions and to the Theory and Practice of Modern Textual Criticism, traduzione inglese di Erroll F. Rhodes, William B. Eerdmans Publishing Company, Grand Rapids, Michigan, 1995, p. 97.
  2. ^ Frederic G. Kenyon, Handbook to the Textual Criticism of the New Testament, London2, 1912, p. 44.
  3. ^ Ellwood M. Schofield, The Papyrus Fragments of the Greek New Testament, Southern Baptist Theological Seminary, Louisville, 1936, pp. 168-170.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]