Panoplia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Panoplia (in greco antico πανοπλία, letteralmente "collezione di armi", visto che παν significa "tutto" e όπλον "arma") era il nome dell'armatura degli opliti e dei soldati pesanti dell'antica Grecia.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Panoplia è il termine usato per indicare l'insieme delle armi di offesa quali spada (xiphos), lancia (dóry) e di difesa quali elmo (krános), scudo (aspís), corazza (formata da due pezzi, thórax e epibraxiōníos, i quali proteggevano rispettivamente il petto e il ventre), bracciali (epipēkhýon), schinieri (knemis) e le protezioni per le caviglie (episphýrion) e per i piedi (epipodíon) in dotazione agli opliti ellenici. Il tutto pesava tra i 22 e i 35 kg.

Storia del termine[modifica | modifica sorgente]

Il termine venne successivamente usato per indicare i trofei e i motivi ornamentali che si trovano nei fregi di diversi monumenti romani di carattere celebrativo di imprese vittoriose e ripresi come motivo ornamentale, posto sui muri, nei secoli successivi.

Applicata alle armature di epoche successive, il termine panoplia non venne usato sino alla fine del XVI secolo e all'inizio del XVII secolo, venendo allora usata per descrivere il set completo di armatura a piastre che ricopre l'intero corpo.

Siccome una panoplia è una serie completa di componenti diversi, la parola panoplia ha finito per riferirsi a una qualsiasi collezione completa o molto grande.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]