Osiride-Dioniso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine Osiride-Dioniso è usato da alcuni storici della religione per indicare un gruppo di divinità adorate nella zona del Mar Mediterraneo nei secoli antecedenti all'era cristiana. È stato discusso il fatto che queste divinità fossero strettamente correlate e condividessero molte caratteristiche, soprattutto l'essere divinità maschili, parzialmente umane e legate a un ciclo di vita-morte-rinascita.

Sincretismo antico[modifica | modifica sorgente]

Osiride e Dioniso sono stati e uguagliati sin dal V secolo a.C. dallo storico Erodoto (si veda linterpretatio graeca). In epoca tardo antica, alcuni pensatori Gnostici e Neoplatonici hanno allargato questa equazione sincretista fino ad includere Aione, Adone, Attis, Mitra e altri dèi delle religioni misteriche. Il termine composto Osiride-Dioniso viene trovato all'inizio del primo secolo d.C., per esempio nellAegyptiaca di Ecateo di Abdera e nei lavori di Leone di Pella.

Con la crescita della cristianità alcuni polemisti pagani sostennero che le narrazioni relative a nascita e risurrezione di Cristo fossero dei rifacimenti della storia di Dioniso e di altri dei similari. Gli apologeti del cristianesimo, quali San Giustino martire controbatterono che, al contrario, questi culti misterici erano delle degenerazioni delle profezie bibliche in merito al messia ebraico. Benché né osiride né dioniso abbiano molte somiglianza con tali profezie.

Ebrei quali Filone di Alessandria osservarono delle somiglianze e postularono che i religiosi pagani avessero preso in prestito le loro religioni da quella ebraica, cosa improbabile visto che lo stesso Ebraismo potrebbe aver ricevuto influenze da Induismo e Zoroastrismo e forse anche da altre pratiche religiose con origini antecedenti al primo (a tale proposito vedere anche Ipotesi Documentale).

Era moderna[modifica | modifica sorgente]

Nel diciannovesimo secolo, l'idea di un culto pan-mediterranea di un dio che muore e rinasce fu usata da Alexander Hislop nel suo trattato anti-cattolico The Two Babylons. Hisplop argomentava che il cattolicesimo apostolico romano non sarebbe stato basato sul racconto biblico bensì sui culti pagani della dea madre e il suo figlio sofferente (ad es. Cibele ed Attis). Autori più tardi, quali Peter Gandy e Timothy Freke, estesero questa linea di ragionamento includendo, oltre alla religione cattolica, la cristianità in generale. Nel loro testo The Jesus Mysteries si sostiene che Cristo non sarebbe stato una figura storica, ma piuttosto una figura mitica, concepita nello stesso solco pan-mediterraneo che avrebbe dato vita ai culti di Osiride, Dioniso e altre figure similari. Queste tesi, in ogni caso, sono rimaste minoritarie nella cultura storica cristiana. D'altra parte degli accademici accettano alcuni, più limitati, meticciati pagani-cristiani, quali l'iconografia di Orfeo e Mitra (divinità) applicate a Cristo nella prima arte cristiana.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]