Oracoli caldaici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Affrettati, è necessario, verso la luce e i raggi del Padre: di là ti fu inviata l'anima, rivestita di intenso intuire »
(Oracoli caldaici, frammento 115)

Gli Oracoli caldaici sono una raccolta di rivelazioni sapienziali appartenenti alla tradizione misterica greco-romana realizzata probabilmente alla fine del II secolo d.C. da Giuliano il Teurgo.

Essa si compone di esametri omerici in cui viene rivelata la sapienza divina.

A differenza del Corpus Hermeticum che si ricollega alla sapienza egiziana, gli Oracoli caldaici fanno riferimento alla sapienza babilonese[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giovanni Reale. Rinascita del platonismo e del pitagorismo, Corpus Hermeticum e Oracoli caldaici. Storia della filosofia greca e romana, vol. 7. Milano, Bompiani, 2004, pagg. 312-3

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Oracoli caldaici (a cura di Angelo Tonelli). Milano, Rizzoli, 2008. ISBN 978-88-17-17051-2
  • Eric R. Dodds. I greci e l'irrazionale. Milano, Rizzoli, 2009.
  • Ruth Majercik. The chaldean oracles. Leiden, Brill, 1989. ISBN 90-04-09043-6
  • Michele Psello, Oracoli Caldaici, con appendici su Proclo e Michele Italo, Mimesis 2001, ISBN 9788884830470
  • Giovanni Reale. Storia della filosofia greca e romana. Volume 7: Rinascita del platonismo e del pitagorismo, Corpus Hermeticum e Oracoli Caldaici. Milano, Bompiani, 2004. ISBN 8845211347
  • Fernández Fernández, Álvaro, La teúrgia de los Oráculos Caldeos: cuestiones de léxico y de contexto histórico / tesis doctoral dirigida por José Luis Calvo Martínez. Granada: Universidad de Granada, 2011.
  • Fernández Fernández, Álvaro (2013), «En búsqueda del paraíso caldaico», ’Ilu: revista de ciencias de las religiones, 18: p. 57-94.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]