Operatore (informatica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In informatica e programmazione, un operatore è un simbolo che specifica quale legge applicare a uno o più operandi, per generare un risultato.

Tipi di operatori[modifica | modifica sorgente]

Gli operatori possono essere classificati in base al numero di operandi che accettano, ovvero in base al numero di dati su cui lavorano:

  • gli operatori unari lavorano su un singolo operando. Esempi di operatori unari sono quelli di incremento e decremento (vedi sezione seguente);
  • gli operatori binari lavorano su due operandi: ne sono esempi gli operatori aritmetici e quelli di assegnamento;
  • gli operatori ternari lavorano su tre operandi; uno dei rari esempi è l'operatore condizionale, usato in programmazione.

Operatori comuni[modifica | modifica sorgente]

In questa sezione verranno presentati alcuni esempi di tutti e tre i tipi di operatori. Su alcuni operatori (come quelli logici booleani) possono esistere differenze da computer a computer (o da linguaggio a linguaggio). Per ogni operatore vengono mostrati degli esempi.

Operatori aritmetici[modifica | modifica sorgente]

Gli operatori aritmetici sono + - * / % e lavorano su due operandi. Consentono di effettuare le operazioni aritmetiche fondamentali, ovvero rispettivamente addizione, sottrazione, moltiplicazione, divisione e modulo (resto della divisione).

  • 6 + 3 vale 9
  • 6 - 3 vale 3
  • 6 * 3 vale 18
  • 6 / 3 vale 2
  • 6 % 3 vale 0

Operatori di incremento e decremento[modifica | modifica sorgente]

Gli operatori di incremento e decremento sono unari: essi rispettivamente aumentano o diminuiscono di uno l'unico operando che prendono. Di solito sono rappresentati con ++ e --.

  • 6++ vale 7
  • 6-- vale 5

Operatori di assegnamento[modifica | modifica sorgente]

Gli operatori di assegnamento sono binari e servono ad assegnare determinati valori a variabili. Le espressioni in cui compaiono assumono il valore dell'espressione a destra del segno. Se ne distinguono di semplici e composti. L'unico operatore di assegnamento semplice è =. Gli operatori di assegnamento composti assegnano un valore che viene calcolato nella stessa assegnazione per mezzo degli operatori aritmetici. Ne sono esempi += -= *= /=.

  • a = 7 vale 7

Operatori logici booleani[modifica | modifica sorgente]

Gli operatori logici booleani lavorano su dati booleani, ovvero variabili che possono assumere solo i valori vero e falso. Servono a formulare condizioni composte; ne sono esempi AND e OR (binari) e NOT (unario).

  • vero AND vero vale vero
  • vero AND falso vale falso
  • NOT vero vale falso

Operatore condizionale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi ?:.

L'operatore condizionale è un operatore ternario che consente di valutare una condizione e in base a essa far acquisire un valore a un'espressione. La sintassi è condizione ? valoreSeVero : valoreSeFalso. La condizione è un'espressione booleana i cui possibili valori sono vero e falso. Se condizione è vera, l'espressione acquisisce il valoreSeVero; altrimenti il valoreSeFalso.

  • ( 6 % 2 == 0 ) ? 1 : 0 vale 1

Operatori bitwise[modifica | modifica sorgente]

Gli operatori bitwise (orientati ai bit) consentono di manipolare direttamente i bit di un valore. Tra essi distinguiamo quelli di scorrimento, che consentono di far scorrere i bit attraverso la sintassi valore >> indice di scorrimento o valore << indice di scorrimento; e quelli che effettuano confronti di tipo booleano, come AND, OR e NOT.