Nihal (astronomia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nihal
Mappa della costellazione della Lepre.Mappa della costellazione della Lepre.
Classificazione Gigante brillante gialla
Classe spettrale G5II
Distanza dal Sole 160
Costellazione Lepre
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 5h 28m 14,73s
Declinazione -20° 45′ 33″
Dati fisici
Raggio medio 16 R
Massa
Temperatura
superficiale
5450 K (media)
Luminosità
165 L
Dati osservativi
Magnitudine app. +2,84
Magnitudine ass. -0,63
Moto proprio AR: -5,02 mas/anno
Dec: -86,01 mas/anno
Velocità radiale -13,6 km/s

Nihal (Beta Lep, β Leporis, β Lep) è una stella della costellazione della Lepre di magnitudine apparente +2,84. Dista 160 anni luce dal sistema solare[1]. Il suo nome proviene dall'arabo An-Nihal, che significa "i cammelli saziando la loro sete"[2].

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una stella situata nell'emisfero celeste australe; grazie alla sua posizione non fortemente australe, può essere osservata dalla gran parte delle regioni della Terra, sebbene gli osservatori dell'emisfero sud siano più avvantaggiati. Nei pressi dell'Antartide appare circumpolare, mentre resta sempre invisibile solo in prossimità del circolo polare artico. La sua magnitudine pari a 2,84 le consente di essere scorta con facilità anche dalle aree urbane di moderate dimensioni.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

Beta Leporis è una gigante brillante gialla di tipo spettrale G5II; è 165 volte più luminosa del Sole e si stima abbia un'età di 240 milioni di anni. Attualmente si trova in rapida evoluzione con all'interno un nucleo inerte di elio, e in meno di un milione di anni aumenterà la sua luminosità quando inizierà a convertire l'elio in carbonio e ossigeno tramite il processo tre alfa. Ha una massa 3,5 volte quella del Sole ed un raggio 16 volte superiore.

Nihal è anche una stella binaria, ha infatti una debole compagna che brilla di magnitudine dalla 7 alla 11[3], e pare essere una sospetta variabile, catalogata come NSV 2008.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Lyubimkov, Leonid S. et al., Accurate fundamental parameters for A-, F- and G-type Supergiants in the solar neighbourhood in Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol. 402, nº 2, febbraio 2010, pp. 1369–1379, DOI:10.1111/j.1365-2966.2009.15979.x.
  2. ^ Arabic Star Names
  3. ^ Nihal (Stars, Jim Kaler)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni