Montello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Montello (disambigua).
Montello
comune
Montello – Stemma Montello – Bandiera
Montello – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Bergamo-Stemma.png Bergamo
Amministrazione
Sindaco Diego Gatti (lista civica "Uniti per Montello") dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 45°40′00″N 9°48′00″E / 45.666667°N 9.8°E45.666667; 9.8 (Montello)Coordinate: 45°40′00″N 9°48′00″E / 45.666667°N 9.8°E45.666667; 9.8 (Montello)
Altitudine 229 m s.l.m.
Superficie 1,74 km²
Abitanti 3 253[1] (31-12-2010)
Densità 1 869,54 ab./km²
Comuni confinanti Albano Sant'Alessandro, Bagnatica, Costa di Mezzate, Gorlago, San Paolo d'Argon
Altre informazioni
Cod. postale 24060
Prefisso 035
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 016139
Cod. catastale F547
Targa BG
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 505 GG[2]
Nome abitanti montellesi
Patrono Visitazione della Beata Vergine Maria
Giorno festivo 31 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Montello
Posizione del comune di Montello nella provincia di Bergamo
Posizione del comune di Montello nella provincia di Bergamo
Sito istituzionale

Montello (Montèl in dialetto bergamasco[3]) è un comune italiano con più di 3.000 abitanti[4] della provincia di Bergamo in Lombardia.

Distante circa 11 km dal capoluogo orobico, è posto all'imbocco della val Cavallina. È fra i comuni d'Italia con la minor superficie di territorio, solo 1,74 km².

Etimologia e cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Il paese deve il suo nome, come prevedibile, al piccolo colle (montello, appunto) che si innalza alle spalle del centro abitato.

Sul territorio comunale sono stati ritrovati oggetti, tra cui un'ascia di bronzo, di origine preistorica, a cui non è stato possibile dare un'esatta datazione.

Il periodo più importante per questo piccolo paese fu indubbiamente il medioevo: numerose sono infatti le costruzioni risalenti a quel periodo, prima fra tutte l'intera struttura del nucleo storico, con costruzioni ravvicinate in pietra e vie molto strette.

Esistono parecchi ruderi, tra cui quelli del castello di proprietà della famiglia Suardi, che aveva il pieno dominio dell'intera zona, posto in località Monticelli-Brusati.

Il paese, inizialmente chiamato Monticelli di Borgogna, nel 1927 venne accorpato al vicino Costa di Mezzate, diventando Costa di Monticelli. L'autonomia comunale venne riacquisita nel 1955, e nel 1962 assunse l'attuale denominazione di Montello.[5]

Il territorio è inoltre solcato dal corso del torrente Zerra che, unito alle acque della roggia Borgogna (costruita nel 1473 dal condottiero Bartolomeo Colleoni), permette di soddisfare le esigenze idriche della pianura occidentale bergamasca.

Simboli[modifica | modifica sorgente]

Il comune ha come simboli lo stemma e il gonfalone riconosciuti con D.P.R. 22 aprile 1998.

Blasonatura stemma:

« Troncato semipartito: nel Primo, di porpora, alla muraglia d'argento, murata di nero, uscente dai fianchi e fondata sulla linea di partizione, merlata con il merlo alla ghibellina, con i tagli ritondati, centrale, e con due semimerli laterali ugualmente alla ghibellina e con i tagli ritondati; nel Secondo, di azzurro, alle tre montagne d'oro, con le vette poste in banda, la montagna inferiore fondata in punta e uscente dalla linea di partizione, la montagna mediana uscente dal fianco e fondata in punta, in parte celata dalla montagna inferiore; la montagna superiore uscente dal fianco e in parte celata dalla montagna mediana; nel Terzo, di rosso, al ponte di tre archi, l'arco centrale più alto e più largo, con l'impalcato convesso verso l'alto, esso ponte d'argento, murato di nero, fondato sulla campagna d'azzurro, fluttuosa d'argento. Ornamenti esteriori da Comune. »
(D.P.R. 22 aprile 1998)

Da vedere[modifica | modifica sorgente]

Di indubbio interesse sono i ruderi del castello (risalente al XIII secolo) dei Suardi, in località Monticelli-Brusati, su cui ora è stata costruita una villa che prende il nome dalla località in cui si trova.

Costruzione di spicco è anche il palazzo Baizini-Rumi. Dotato di un grande giardino interno, ora adibito come monastero di clausura francescano del terzo ordine.

Infine si può trovare la chiesa parrocchiale, dedicata alla Visitazione di Maria Santissima, costruita nel XX secolo, recentemente restaurata e dotata di un nuovo e grandioso impianto di illuminazione.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Di notevole importanza per l'economia di Montello è la presenza della Montello S.p.A., ditta riconvertita da acciaieria a industria specializzata nel recupero di plastica e di compostaggio delle parti umide dei rifiuti solidi urbani, con produzione di biogas e quindi di energia termica ed elettrica per una potenza di 9,9 MW. L'azienda genera oltre 200 posti di lavoro per un fatturato annuo che si attesta sui 35 milioni di euro.

Alla Montello S.p.A. vengono anche trattati i prodotti della nuova raccolta organica porta a porta di Milano (AMSA), come parte della capacità di 210 000 tonnellate l'anno che grazie al processo di digestione anaerobica producono secondo l'azienda un risparmio di 60 000 tonnellate/anno di anidride carbonica.[6]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario di Carmelo Francia, Emanuele Gambarini (a cura di), Dizionario italiano-bergamasco, Torre Boldone, Grafital, 2001, ISBN 88-87353-12-3.
  4. ^ Dato Istat all'1/1/2008.
  5. ^ Istituzioni storiche - Lombardia Beni Culturali
  6. ^ Impianto di trattamento rifiuti a matrice organica, montello-spa.it.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]