Monte San Biagio (Maratea)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monte San Biagio
Montesanbiagioserracastrocucco.jpg
Il monte San Biagio, a sinistra, con la statua del Redentore sulla cima più alta.
Stato Italia Italia
Regione Basilicata Basilicata
Provincia Potenza Potenza
Altezza 623 m s.l.m.
Catena Appennino lucano
Coordinate 39°59′21.98″N 15°43′19.25″E / 39.989438°N 15.722015°E39.989438; 15.722015Coordinate: 39°59′21.98″N 15°43′19.25″E / 39.989438°N 15.722015°E39.989438; 15.722015
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte San Biagio

Il monte San Biagio è un monte dell'Appennino lucano, interamente contenuto nel territorio del comune di Maratea.

Nel 2012 l'intera montagna, per il suo patrimonio naturale, paesaggistico, storico ed artistico, è stata dichiarata una delle Meraviglie Italiane da parte del Forum Nazionale Giovani.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le prime frequentazioni umane sul monte accertate dall'archeologia risalgono all'epoca romana. La tradizione popolare di Maratea vuole che, in epoca classica, il monte ospitasse un tempio dedicato alla dea Minerva, e che pertanto si chiamasse monte Minerva.

Nel Medioevo ospitò l'unica cellula abitata del territorio marateota, e qui vi nacque il cosiddetto Castello, cioè l'antica Maratea fortificata da mura e protetta naturalmente dalle pareti rocciose del monte.

Assunse il suo attuale nome in seguito all'arrivo delle reliquie di San Biagio di Sebaste a Maratea.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Il monte domina il paesaggio costiero di Maratea.

Morfologicamente è una continuazione del rilievo del monte Crivo (alto 1277 m), che si estende quasi a picco sul mare.

Oggi il suo aspetto è dominato dalla colossale statua del Redentore, che si trova sul suo sperone roccioso più alto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Monte S. Biagio di Maratea - Meravigliaitaliana.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]