Monopiede

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fotocamera e teleobiettivo montata su monopiede con testa impugnabile
monopiede

Il monopiede, spesso chiamato monopode o monopodio, è un prodotto nell'ambito degli accessori foto e cinematografici, al pari del treppiede. Viene utilizzato anche in ambito di stabilizzazione delle armi da fuoco e nella visione con binocoli e cannocchiali a ingrandimento medio/alto (10x).

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Nel caso delle videocamere e cineprese, riduce le vibrazioni della camera, e quindi la maggior parte dei piccoli movimenti casuali. Quando viene usato da solo, elimina le vibrazioni della fotocamera sul piano verticale, quando utilizzato in combinazione con l'appoggio a un grande oggetto, si forma un bipiede, e questo può anche eliminare i movimenti orizzontali.

A differenza di un treppiede, il monopiede non può sostenere apparecchi in modo indipendente. Nel caso di macchine fotografiche, questo limita la velocità di scatto che possono essere utilizzate, ma consentono ancora un uso con tempi di posa inferiori che a mano libera, e sono più facili da trasportare e usare di un treppiede. Molti possono anche essere utilizzato come "Chestpod", o "beltpod", nel senso che il piede del monopiede (a volte con uno speciale adattatore) può riposare su cinture, in vita, o al torace del fotografo. Il risultato è che la macchina viene tenuta costantemente ferma più semplicemente e con una mano sola (anche se non nel modo più regolare, quando il piede è piantato a terra).

I monopiedi di solito sono chiudibili rapidamente in maniera telescopica quando non in uso, consentendo loro di essere trasportati e immagazzinati più facilmente. In generale, in termini di mobilità contro la stabilità, per tutti questi strumenti di stabilizzazione, se aumenta la mobilità, diminuisce la stabilità.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]