Modo di articolazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In fonetica articolatoria, il modo di articolazione è uno dei parametri che permettono di classificare i suoni del linguaggio (foni), e più precisamente le consonanti. Esso descrive il modo in cui gli organi dell'apparato fonatorio interagiscono per produrre un suono (fonazione), vale a dire in che modo le labbra, la lingua e le altre parti della bocca si posizionano per ostacolare l'aria nella sua fuoriuscita, producendo così il suono voluto.

Questo è uno dei parametri in base al quale si definiscono le consonanti: l'altro, il luogo di articolazione, stabilisce quali organi partecipano alla produzione del suono, e quindi in quale luogo della bocca esso viene prodotto. Un ultimo parametro per la classificazione delle consonanti è invece l'attivazione o meno delle corde vocali, in base al quale il fono sarà rispettivamente sonoro o sordo.

Per ogni luogo di articolazione vi possono essere più modi di articolazione diversi, vale a dire più consonanti omorganiche. Ad esempio, i suoni [d] e [n] sono entrambi, dal punto di vista del luogo di articolazione, delle alveolari, ma riguardo al modo di articolazione [d] è una occlusiva e [n] una nasale.

Questo parametro, come d'altronde quello del luogo di articolazione, non è valido per le vocali in quanto nella loro produzione non viene opposto un ostacolo alla fuoriuscita dell'aria: esse si classificano solo in base alla posizione della lingua nella bocca.

Nell'ambito delle consonanti, dal punto di vista del modo di articolazione si distinguono:

linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica