Misofobia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Misofobia (dal greco mysos, sporco e phobos, paura) è il termine utilizzato per descrivere una paura patologica del contatto con lo sporco per evitare qualsiasi tipo di contaminazione o di germe (è definita anche come la sindrome di Pilato). I soggetti che soffrono di questa fobia, detti, misofobi[1][2], aumentano le loro precauzioni igieniche all'inverosimile.

Il termine venne introdotto da William A. Hammond nel 1879[2] durante la descrizione di un caso di disturbo ossessivo-compulsivo mostrata da una persona nell'atto di lavarsi ossessivamente le mani.

Questa fobia viene talvolta chiamata anche germofobia (o germafobia), una combinazione di germe e fobia che significa, letteralmente, fobia dei germi, cosiccome bacillofobia e bacterofobia.

La misofobia è stata a lungo correlata al disturbo ossessivo-compulsivo sebbene Harry Stack Sullivan, uno psichiatra americano, abbia fatto notare che, mentre la paura dello sporco sottolinea la compulsione di una persona con questo disturbo, il suo stato mentale non è causato dai germi, bensì da un semplice imperativo: "le mani vanno lavate".[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) William A. Hammond, A Treatise on Insanity in Its Medical Relations, Appleton, 1883, p. 529.
  2. ^ a b (EN) William A. Hammond, Mysophobia in Neurologic Contributions, vol. 1, nº 2, 1879, pp. 40-54.
  3. ^ (EN) Harry Stack Sullivan, Clinical Studies in Psychiatry, 1973, ISBN 0-393-00688-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]