Manica (abbigliamento)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una elaboratissima manica di un vestito del quindicesimo secolo: dettaglio di un ritratto di Jan van Eyck.

La manica è il termine con il quale viene indicata quella parte di un indumento che copre un braccio, o attraverso il quale il braccio passa. Il tipo di manica è una delle caratteristiche dell'abbigliamento che maggiormente variano in base al paese e al periodo.

La maggior parte delle maniche nella moda moderna possono essere lunghe, dalla spalla al polso, o corte la cui lunghezza può variare dal bicipite, al gomito fino ad arrivare a metà avambraccio; in quest'ultimo caso si parla generalmente di maniche a tre quarti. Alcuni tipi di magliette sono del tutto prive di maniche (per esempio le canottiere).

Tipi di manica[modifica | modifica sorgente]

  • Manica angelo: manica drappeggiato e aperta in fondo.
  • Manica a palloncino: manica ampia e rigonfia.
  • Manica a pipistrello: manica di grandi dimensioni, e ampia, che ricrea l'effetto di un poncho. Detta anche manica magiara.
  • Manica a campana'': manica larga, che si strozza sul polsino.
  • Manica svasata: manica larga e aperta.
  • Manica gigot: manica gonfia all'altezza delle spalle, e stretta sul resto del braccio.
  • Manica da kimono: manica rotonda, o rettangolare e particorlamente ampia.
  • Manica a pagoda: manica svasato sul polso.
  • Manica Raglan: manica che termina nella scollatura del vestito.
  • Manica a tulipano: manica la cui forma assomiglia a quella di un tulipano.

Modi di dire[modifica | modifica sorgente]

La manica è molto presente nei modi di dire e nei Luoghi comuni internazionali. In italia i più frequenti sono:

Avere un asso nella manica: avere ancora una possibilità.
Essere di maniche larghe: essere generoso o spendaccione.
Rimboccarsi le maniche: darsi da fare.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moda