Lussazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Lussazione
Codici di classificazione
ICD-10 (EN) T14.3

Una lussazione è uno spostamento permanente delle superfici articolari l'una rispetto all'altra. La lussazione è detta completa se la perdita dei rapporti fra le due superfici è totale, quando invece resta un contatto parziale, si parla di lussazione incompleta o di sublussazione.

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

  • Traumatica: in seguito a un trauma violento che sposta le estremità delle ossa.
  • Congenita: legate ad una malformazione delle estremità ossee (anca p.es.).
  • Degenerativa (patologica): legate a lesioni capsulo-ligamentose (come nella mano della poliartrite reumatoide).

Fra le lussazioni traumatiche ricordiamo:

  • le lussazioni recenti, dove le lesioni capsulo-ligamentose s'associano a lesioni delle parti molli e devono essere ridotte d'urgenza;
  • le lussazioni recidivanti, che si riproducono per traumi sempre più lievi (spalla, articolazione temporomandibolare).

Lussazione della spalla[modifica | modifica sorgente]

Riduzione ippocratica di una spalla lussata

La lussazione della spalla è la più frequente delle lesioni traumatiche. La sua prognosi è abitualmente favorevole. La lussazione antero-interna è la più frequente.

Clinica[modifica | modifica sorgente]

In seguito ad una caduta sulla mano, col braccio in abduzione ed in rotazione esterna, il paziente, in genere un adulto giovane, avverte un forte dolore e il braccio si presenta flesso e sostenuto dalla mano valida.

Se visitato il paziente presenta:

  • appiattimento del moncone della spalla che ha perduto il suo profilo: "segno della spallina" (al quale si aggiunge un "colpo di ascia" sul lato esterno del braccio): il gomito è allontanato dal corpo, il braccio in abduzione; si può con dolcezza ottenere qualche movimento, ma è impossibile riavvicinare il gomito al corpo;
  • alla palpazione, si apprezza un vuoto sotto acromiale: la testa omerale lussata non è più palpata sotto l'acromion, ma nell'ascella.

È indispensabile cercare complicazioni di cui il ferito deve essere avvertito:

  • complicazione vascolare con il rilevamento del polso;
  • soprattutto complicazione nervosa per paralisi del nervo circonflesso, con perdita di sensibilità del moncone della spalla;
  • più raramente lesione del plesso brachiale.

Diagnosi[modifica | modifica sorgente]

Lussazione della spalla: radiografia
Radiografia di una spalla lussata prima e dopo la riduzione

Le radiografie confermano l'impressione clinica e rilevano un'eventuale frattura della grande tuberosità della stessa testa omerale.

Evoluzione[modifica | modifica sorgente]

L'evoluzione di una lussazione della spalla trattata correttamente è più delle volte favorevole, grazie a una rieducazione attiva assidua, le possibili complicazioni sono di due tipi:

Complicazioni immediate[modifica | modifica sorgente]
  • paralisi del nervo circonflesso, spesso reversibile, ma la cui persistenza minaccia i movimenti di abduzione della spalla;
  • lesioni del plesso brachiale, rare ma gravissime;
  • fratture associate che aggravano la prognosi funzionale e il rischio di complicanza (rigidità articolare, periartrite scapolo-omerale) e modificano il trattamento.
Complicazioni tardive[modifica | modifica sorgente]
  • periartrite scapolo-omerale, dolore e limitazione dei movimenti usuali, come il pettinarsi, vestirsi e svestirsi;
  • lussazioni recidivanti, frequenti nei giovani(di età inferiore ai 35 anni), sopraggiungono per dei traumi sempre più lievi e possono causare handicap funzionale che giustifica allora un intervento chirurgico.

Terapia[modifica | modifica sorgente]

Nelle lussazioni antero-interne senza lesioni ossee associate, il trattamento consiste in una riduzione precoce, sotto anestesia locale poi, sotto controllo radiologico, in una contenzione che immobilizza il gomito al corpo per 2-3 settimane (a seconda dell'età del paziente).

La rieducazione deve escludere (non toccare per 15 giorni) i massaggi e comporta una mobilizzazione attiva e assidua a partire dal 15º giorno.

Lussazioni abituali della rotula[modifica | modifica sorgente]

Ricordiamo che l'articolazione femoro-patellare non ha stabilità ossea intrinseca durante i primi 20-30° di flessione. La stabilità diventa effettiva solo dopo i 70-80° quando la rotula scivola dentro la scanalatura tra i condili.

La stabilità è assicurata dai muscoli e dai legamenti e, nelle posizione di flessione più importanti, dalla forma a V della rotula incastrata nella gola femorale.

L'inserzione del tendine rotuleo spesso molto esterna, genera una forte tendenza allo spostamento verso l'esterno della rotula quando il quadricipite si contrae o quando il ginocchio è in totale posizione estesa.

Esistono pure delle displasie dell'articolazione femoro-rotulea. In questi casi le faccette articolari della rotula troppo appiattite, si articolano con i condili femorali che non hanno una scanalatura abbastanza profonda per mantenere la rotula ben centrata. Si instaura una instabilità e la rotula potrà spostarsi facilmente, spesso anche in seguito a minimi traumi.

Clinica[modifica | modifica sorgente]

La prima lussazione avviene di solo in seguito a una banale caduta. La rotula ritorna spesso a posto da sola con uno schiocco doloroso seguito da un versamento di durata variabile.

  • Dolore all'inserzione del legamento esterno.
  • Inquietudine del paziente quando spingiamo la rotula verso l'esterno, ha l'impressione che la rotula si sposta.
  • Tendine patellare inclinato verso l'esterno a partire dalla tuberosità anteriore della tibia.
  • Possibile posizione verso l'esterno della rotula.
Radiografia[modifica | modifica sorgente]
  • Può essere normale.
  • Deformazione della superficie della rotula e del femore (displasia).
  • Spostamento della rotula verso l'esterno sulle lastre in posizione assiale e in flessione.

Terapie[modifica | modifica sorgente]

Secondo la gravità del quadro clinico (frequenza di lussazione, ecc.), presenza di segni di displasia (bambino):

  • Spostamento dell'inserzione del tendile della rotula verso l'interno.
  • Abbassamento dell'inserzione al fine di meglio posizionare la rotula nella scanalatura femorale.
  • Ricostruzione dell'apparato estensore. Lo scopo è quello di offrire maggiore stabilità all'articolazione femoro-patellare.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina