Lola (singolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lola
Artista The Kinks
Tipo album Singolo
Pubblicazione 12 giugno 1970
Durata 4 min : 03 s
Album di provenienza Lola Versus Powerman and the Moneygoround, Part One
Genere Rock
Pop rock
Etichetta Pye Records
Reprise Records
Produttore Ray Davies
Note n. 9 Stati Uniti
n. 2 Gran Bretagna
The Kinks - cronologia
Singolo precedente
(1969)
Singolo successivo
(1970)
(EN)

« Well, that's the way that I want it to stay
And I always want it to be that way for my Lola
Lo-lo-lo-lo Lola
Girls will be boys and boys will be girls
It's a mixed up muddled up shook up world except for Lola »

(IT)

« Beh, questo è il modo in cui voglio che rimanga
E voglio sempre che sia così per la mia Lola
Lo-lo-lo-lo Lola
Le ragazze saranno ragazzi e i ragazzi saranno ragazze
È un miscuglio un po' confuso che scuote il mondo tranne Lola »

(Lola, The Kinks)

Lola è una canzone scritta dal cantautore britannico Ray Davies, inclusa nell'album Lola Versus Powerman and the Moneygoround, Part One, e pubblicata su singolo dai The Kinks nel 1970.

Il testo racconta la storia di un ragazzo che incontra un travestito in un night club nel quartiere londinese di Soho.[1]

Nel 2004 il brano è stato inserito alla posizione numero 422 nella lista delle 500 migliori canzoni di sempre redatta dalla rivista Rolling Stone.[2]

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Nel libro The Kinks: The Official Biography, Davies raccontò di come l'ispirazione per il brano gli venne da un curioso episodio capitato al manager della band, Robert Wace.[3] Wace aveva passato la serata in un night a ballare con una ballerina transessuale di colore:

« Nel suo appartamento, Robert aveva ballato tutta la notte con questa negretta, e diceva: "Mi sembra di sentire qualcosa qui". Ed era tutto okay fino a quando ce ne andammo verso le 6 di mattina e io dissi: "Gli hai visto la mazza?", lui rispose di si, ma anche che era troppo fatto e ubriaco per preoccuparsene. »

Nella sua autobiografia, Dave Davies affermò di essere stato lui a comporre la musica di quella che sarebbe diventata Lola, accusando Ray di essersi ingiustamente preso tutti i meriti compositivi della canzone. Secondo quanto dichiarato da Dave, dopo che egli ebbe mostrato al fratello gli accordi della melodia, Ray ci scrisse sopra un testo.

Censura[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante il suo forte sottinteso sessuale, il brano non venne censurato alla radio per il piccante argomento trattato, bensì per il riferimento alla Coca-Cola all'inizio del brano, che successivamente dovette essere modificato in "Cherry Cola" per la versione della canzone pubblicata su singolo.[4][5]

Pubblicazione ed accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicato nel giugno 1970, il 12 in Gran Bretagna e il 28 negli Stati Uniti, il singolo raggiunse la seconda posizione in classifica in Inghilterra[6] e la numero 9 in USA.[7] Il successo del singolo ebbe importanti conseguenze per la carriera della band in un periodo particolarmente critico, aiutandoli a negoziare un nuovo contratto discografico con la RCA Records, a costruire il loro nuovo studio di registrazione London Studio, e ad ottenere maggiore controllo sul proprio lavoro ed indipendenza artistica.

In retrospettiva, in base agli ambigui argomenti sessuali trattati, il brano è stato ritenuto anticipatore della corrente Glam rock, resa poi popolare da Marc Bolan e David Bowie, che avrebbe infiammato il mercato discografico solo due anni più tardi.

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Della canzone esistono numerose reinterpretazioni da parte di artisti di diversa estrazione,[8] tra i tanti ricordiamo: Paschalis (1972), Don Fardon (1974), Nicky Thomas (1974), The Raincoats (1979), Heinz Rudolf Kunze (in tedesco), "Weird Al" Yankovic (con il titolo volutamente storpiato in Yoda), Andy Taylor (dei Duran Duran) (1990), Damon Albarn (2000), Natural Born Hippies (1999), Madness (2005), Widespread Panic (2010).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Kinks: Lola Versus Powerman And The Moneygoround, Part One
  2. ^ The RS 500 Greatest Songs of All Time, Rolling Stone, 9 dicembre 2004. URL consultato il 9 dicembre 2009.
  3. ^ Lola
  4. ^ Golden Hour of the Kinks di Brionia Meriggi
  5. ^ La Radio secondo il Boss - Almanacco del 29 agosto
  6. ^ Chart Stats - The Kinks - Lola. URL consultato il 9 dicembre 2009.
  7. ^ The Kinks > Charts & Awards > Billboard Singles, Allmusic. URL consultato il 9 dicembre 2009.
  8. ^ (EN) List of Kinks Covers

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) The Kinks in The Faber Companion to 20th Century Popular Music, Londra, Faber and Faber Ltd, 2001.
rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock