Liberal Democratici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri movimenti politici liberaldemocratici, vedi Liberaldemocratici (disambigua).
Liberal Democratici
Presidente Italo Tanoni
Coordinatore Enzo Marrazzo
Portavoce Francesco Pifferi
Stato Italia Italia
Fondazione 1º ottobre 2007
Sede Largo della Fontanella
di Borghese n.84
00186 Roma
Ideologia Centrismo,
Liberalismo,
Cristianesimo democratico[1], Liberalismo sociale
Collocazione Centro
Partito europeo ALDE (osservatore)
Seggi Camera
0 / 630
Seggi Senato
0 / 315
Seggi Europarlamento
0 / 73
Sito web www.liberal-democratici.it

Liberal Democratici per il Rinnovamento è un partito politico italiano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nascita nel centrosinistra[modifica | modifica wikitesto]

La sua fondazione risale al 1º ottobre 2007 da una scissione di Democrazia è Libertà - La Margherita dal momento che, secondo Lamberto Dini, «la lotta tra Ds e Popolari ha schiacciato le altre identità all'interno del nascente Partito Democratico», e dunque a suo dire non vi è sufficiente spazio per la cultura liberal-democratica[2].

I due termini del logo sono staccati e contrassegnati dalla sigla LD, che è anche quella del leader Lamberto Dini. In esso vengono ripresi gli elementi che hanno precedentemente caratterizzato, fra il 1996 e il 1999, l'esperienza di Rinnovamento Italiano: la scritta per il rinnovamento e il simbolo del triangolo tricolore.

Guidato dall'ex Presidente del Consiglio, Ministro degli Esteri e del Tesoro Lamberto Dini, il partito ha raccolto tre senatori (Dini stesso, Natale D'Amico e Giuseppe Scalera), un deputato (Italo Tanoni), e un sottosegretario alla Giustizia (Daniela Melchiorre).

La sfiducia al Governo Prodi II[modifica | modifica wikitesto]

Il partito si collocò inizialmente nell'alleanza del centrosinistra, L'Unione, pur autodefinendosi "indipendente"[3].

A gennaio 2008 è tra i protagonisti della caduta del Governo Prodi II, anche se i rappresentanti parlamentari del movimento si comportano in modo diverso. L'esecutivo si presenta per ricevere la fiducia in Parlamento: il 23 gennaio, alla Camera dei deputati, il deputato Tanoni non partecipa alla votazione; il 24 gennaio, al Senato della Repubblica, Dini vota contro, D'Amico vota a favore, Scalera si astiene[4].

Durante le consultazioni del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, i LD gli esprimono l'opinione della necessità di un governo finalizzato alle riforme istutuzionali ed elettorali, con una maggioranza diversa dal Prodi II.

Adesione al Popolo della Libertà[modifica | modifica wikitesto]

L'8 febbraio 2008 il partito aderisce alle liste del Popolo della Libertà presentate da Silvio Berlusconi[5], passando, quindi, con la coalizione opposta al governo di cui aveva fatto parte. Per le elezioni politiche del 2008 sono presenti quattro candidati liberaldemocratici nelle liste del PdL: alla Camera Daniela Melchiorre, Italo Tanoni e Giuseppe Scalera, al Senato Lamberto Dini. Tutti e quattro sono eletti. Si sfila dal movimento, invece, e non si ricandida Natale D'Amico.

Il 30 maggio Dini, rieletto Presidente della Commissione Esteri del Senato, decide insieme a Scalera di lasciare il partito e aderire direttamente al PdL, mentre Tanoni, Melchiorre ed altri restano nei "LD", che vogliono mantenere un partito indipendente alleato con il PdL.[6][7]. Il 9 giugno i due deputati escono dal gruppo parlamentare del PdL e si iscrivono al Gruppo Misto[8]. Il 21 luglio costituiscono con il Partito Repubblicano Italiano la componente Liberal Democratici-Repubblicani[9].

Il passaggio al centrosinistra[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 ottobre 2008 LD passa all'opposizione[10]. Il 13 novembre i deputati dei LD votano contro la finanziaria del governo Berlusconi IV. Il 17 novembre la direzione del partito sancisce ufficialmente il passaggio all'opposizione[11]. In occasione del voto di fiducia del 14 gennaio 2009 la deputata Melchiorre, annuncia a nome del partito il voto contrario, ricordando, tra l'altro, il successo nella lotta all'evasione fiscale condotta dal precedente governo Prodi.

Le Europee 2009 col MAIE[modifica | modifica wikitesto]

Per le elezioni europee del 2009 i Liberal Democratici presentano una lista Liberal Democratici Riformisti con Melchiorre insieme al Movimento Associativo Italiani all'Estero, con cui il 22 aprile formano una nuova componente nel Gruppo Misto della Camera dei deputati: Liberaldemocratici-MAIE.

Ai Liberal Democratici per le Europee si alleano il movimento politico ambientalista Fronte Verde Ecologisti Indipendenti di Vincenzo Galizia[12], il Movimento Europeo Diversamente Abili-Divisione Italia-Federale (MEDA), il Movimento Pensionati Cattolici, il Coordinamento Libere Associazioni Professionali-Associazione Informatici Professionisti, la Associazione Utenti Auto e Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi.

Con lo 0,23 per cento, risulterà (con esclusione delle liste di minoranze linguistiche) la lista meno votata durante la tornata elettorale.

Regionali 2010 con UDC[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il deludente esito elettorale alcuni suoi esponenti decidono di prendere parte sia ad Alleanza per l'Italia, sia all'Unione di Centro. Daniela Melchiorre ha affermato che[13][14]

« Il dato più importante è che per la prima volta gli scontenti, delusi dal sistema bipolare non sembrano andare disgregandosi nella ricerca di una ancora meno credibile formazione autonoma da rivendere al primo offerente, ma puntano verso un progetto comune ed importante. Se poi, in seguito, questo progetto dovesse chiamarsi solo UDC o anche DC sarebbe nell'ordine delle cose, nell'essere stesso di un popolo da sempre storicamente moderato. »

All'interno del nuovo partito, in cui si sono costituiti come Liberal Democratici per il Rinnovamento, rappresenteranno l'area più liberale e laica, insieme ai "Neo-dem" e a Società Aperta Circoli per l'altra Italia. In seguito, al partito, aderisce anche l'ex esponente della Lega Nord Maurizio Grassano.

Nel Polo della Nazione[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 settembre 2010 si parla dell'ingresso nel Gruppo parlamentare di «responsabilità nazionale» voluto da Francesco Nucara per il sostegno del Governo Berlusconi IV.[15] La prospettiva è successivamente smentita dato che i Lib-Dem scelgono di non votare la fiducia a Governo. Il 2 dicembre 2010 firmano insieme a FLI, UDC, API e MPA una mozione di sfiducia nei confronti del Governo Berlusconi IV[16].

Il 15 dicembre i Liberaldemocratici hanno annunciato la confluenza nel "Polo della Nazione", insieme a FLI, UDC, MpA, ApI, PLI e repubblicani.[17]

A seguito dell'abbandono di Maurizio Grassano, passato ad Iniziativa Responsabile, i LibDem hanno formato un gruppo in comune con il repubblicano Giorgio La Malfa.

Il ritorno in maggioranza di centrodestra[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 aprile 2011 la Camera dei Deputati chiede di sollevare conflitto di attribuzione sul procedimento a carico del premier Silvio Berlusconi riguardante i reati di concursione e prostituzione minorile nell'inchiesta Rubygate. I due esponenti Liberal Democratici Daniela Melchiorre e Italo Tanoni insieme all'ex MpA, ora al gruppo Misto non iscritto ad alcuna componente Aurelio Misiti votano insieme alla maggioranza decretando l'uscita dal Nuovo Polo per l'Italia e dall'opposizione. Il 5 maggio Daniela Melchiorre viene nominata nuovo Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico nel Governo Berlusconi IV determinando la definitiva uscita dall'opposizione e una piena partecipazione della componente Liberal Democratici all'Esecutivo.[18]

Il nuovo ritorno all'opposizione[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 maggio la Melchiorre rassegna le dimissioni dall'incarico, sottolineando di non essersi mai insediata.[19]. Dopo le dimissioni della Melchiorre i Liberal Democratici ritornano nel loro ruolo di opposizione al Governo Berlusconi IV riavvicinandosi alla grande area centrista del Nuovo Polo per l'Italia insieme ad UdC, FLI, ApI, MpA ed altri movimenti minori.

Elezioni Politiche 2013[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013 la dirigenza decide di non presentare liste autonome, invitando i propri iscritti a sostenere la coalizione che candida Mario Monti alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Voti % Seggi
Politiche 2008 Camera nel PdL - 3
Senato nel PdL - 1
Europee 2009 (con MAIE) 71.218 0,23 0

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1] Manifesto dei Liberal Democratici
  2. ^ Dini: Siamo nell'Unione, ma saremo indipendenti dall'Ulivo
  3. ^ Dini presenta simbolo LD: Nel centrosinistra ma indipendenti
  4. ^ I tre diniani scelgono la libertà di coscienza in Il Giornale, 25 gennaio 2008.
  5. ^ Dini aderisce al PdL
  6. ^ Asca Pagina non esistente
  7. ^ http://notizie.alice.it/notizie/politica/2008/05_maggio/30/pdl_dini_addio_ai_lib-dem_serve_semplificazione_quadro_-2-,14985980.html
  8. ^ Componenti Gruppo Misto Camera - Modifiche intervenute
  9. ^ Camera dei Deputati - Componenti Gruppo Misto
  10. ^ Europee: Liberal Democratici da ora passiamo con opposizione
  11. ^ Liberal Democratici: direzione approva passaggio a opposizione, Ansa, 17 novembre 2008
  12. ^ http://www.irispress.it/Iris/page.asp?VisImg=S&Art=36063&Cat=1&I=null&IdTipo=0&TitoloBlocco=Politica&Codi_Cate_Arti=27
  13. ^ Verso le Regionali Liberaldemocratici c e l accordo con l Udc - Città della Spezia :: Politica - La Spezia
  14. ^ Comunicati stampa 2010
  15. ^ Corriere.it - Nuovo gruppo di responsabilità nazionale.
  16. ^ Virgilio Notizie Governo/ Libdem sottoscrivono mozione sfiducia Terzo polo
  17. ^ Nasce il "Polo della Nazione". Roma:vertice tra Fini, Casini e Rutelli - politica -Tgcom - pagina 1
  18. ^ La politica italiana
  19. ^ Si dimette sottosegretario Melchiorre Dopo esternazioni premier contro magistrati a incredulo Obama, ANSA del 28 maggio 2011

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica