Kasganj

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kasganj
Amministrazione Municipale (Municipal Board)
Dati amministrativi
Stato India India
Stato federato Seal of Uttar Pradesh.png Uttar Pradesh
Divisione Aligarh
Distretto Kanshiram Nagar
Territorio
Coordinate 27°49′00.12″N 78°39′00″E / 27.8167°N 78.65°E27.8167; 78.65 (Kasganj)Coordinate: 27°49′00.12″N 78°39′00″E / 27.8167°N 78.65°E27.8167; 78.65 (Kasganj)
Altitudine 176[1] m s.l.m.
Abitanti 92 485 (2001)
Altre informazioni
Lingue hindi, inglese
Cod. postale 207123[2]
Prefisso 5744[3]
Fuso orario UTC+5:30
Localizzazione
Mappa di localizzazione: India
Kasganj

Kasganj è una suddivisione dell'India, classificata come municipal board, di 92.485 abitanti, capoluogo del distretto di Kanshiram Nagar, nello stato federato dell'Uttar Pradesh. In base al numero di abitanti la città rientra nella classe II (da 50.000 a 99.999 persone)[4]. In precedenza faceva parte del distretto di Etah.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

La città è situata a 27° 49' 0 N e 78° 39' 0 E e ha un'altitudine di 176 m s.l.m.[1].

Demografia[modifica | modifica sorgente]

Al censimento del 2001 la popolazione di Kasganj assommava a 92.485 persone, delle quali 49.066 maschi e 43.419 femmine. I bambini di età inferiore o uguale ai sei anni assommavano a 13.941, dei quali 7.311 maschi e 6.630 femmine. Infine, coloro che erano in grado di saper almeno leggere e scrivere erano 56.561, dei quali 32.776 maschi e 23.785 femmine.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Falling Rain Genomics, Inc, Kasganj, India Page. URL consultato l'11-07-2008.
  2. ^ (EN) India Post, Pincode search - Kasganj. URL consultato il 28-07-2008.
  3. ^ (EN) Bharat Sanchar Nigam Ltd, STD Codes for cities in Uttar Pradesh. URL consultato il 28-07-2008.
  4. ^ (EN) Census of India, Alphabetical list of towns and their population - Uttar Pradesh (PDF). URL consultato il 21-05-2008.
  5. ^ (EN) Census of India 2001, Population, population in the age group 0-6 and literates by sex - Cities/Towns (in alphabetic order): 2001. URL consultato il 20-06-2008.