James McClelland

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

James Lloyd (Jay) McClelland (Cambridge, 1 dicembre 1948) è un accademico statunitense, professore di psicologia alla Stanford University.

Si laureò in psicologia cognitiva nel 1975. Oggi è noto il suo lavoro riguardante il trattamento parallelamente distribuito, applicato ai modelli di connessionismo o neural networks per spiegare il fenomeno cognitivo come il riconoscimento delle parole scritte e orali. McClelland è anche considerato uno sviluppatore della “rivoluzione connettiva” del 1980. Nel 1986, pubblicò Parallel distributed processing: Explorations in the microstructure of cognition con David Rumelhart, uno dei testi più importanti per gli scienziati cognitivisti. È anche il presidente della commissione Rumelhart Prize, avendo collaborato con Rumelhart per molti anni. Nell'autunno 2006 si trasferì alla Stanford University dalla Carnegie Mellon University, dove fu professore di psicologia e neuroscienze cognitive.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 41926878 LCCN: n85220014