Ivan Olita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ivan Olita
Ivan Olita.jpg
Altezza 186[1] cm
Misure 91-77-98[1]
Occhi Verdi[1]
Capelli castani[1]

Ivan Olita (Verona, 24 novembre 1987) è un modello, conduttore televisivo, fotografo, videomaker e attore italiano, di origini russe[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Comincia la propria carriera di modello all'età di 15 anni. Dopo la maturità scientifica, ha studiato visual design[2] e si è diplomato all'Accademia di belle arti di Brera con 110 e lode. Nel corso della sua carriera di modello ha sfilato, per importanti case di moda come Roberto Cavalli[3], Dolce & Gabbana, Gianfranco Ferrè, Gucci, Valentino e Gianni Versace[4], ed è apparso su riviste come Vogue e Rolling Stone[2].

Nel 2007 ha lavorato anche come veejay sul canale televisivo All Music per la trasmissione Community, al fianco di Valeria Bilello[5].

Nel febbraio 2009 ha partecipato alla quarta serata del Festival di Sanremo 2009[3][6], affiancando i conduttori nella conduzione della manifestazione.

Nel 2010 ha girato la terza stagione de I liceali, regia di Francesco Miccichè e e Massimiliano Papi, miniserie televisiva in onda nel 2011 in cui è uno degli interpreti principali[7].

Dal 2010 conduce su Rai 2, insieme a Gaia Ranieri, il programma musicale Top of the Pops[8].

Nel 2011 è uno dei protagonisti del calendario Lavazza, mese novembre-dicembre, firmato da Mark Seliger.

Da febbraio 2011 Olita collabora con Rolling Stone magazine Italia curando il suo blog[9] per l'edizione online del giornale

A giugno 2011 Olita inizia una collaborazione con Swide Magazine realizzando un reportage dai toni surreali sulla settimana della moda di Milano[10] , e successivamente curando una rubrica fissa[11] dove intervista persone interessanti al di sotto dei 30 anni.

A giugno 2012 intervista Stephen Dorff per Rolling Stone Magazine.[12]

Ha collaborato, nel corso degli anni, con numerosi giornali nazionali, quali Vanity Fair[13], Rolling Stone, Wired, Vogue, Velvet.

Nel settembre 2012 Ivan Olita assume l'incarico di editor at large de L'Officiel Italia

La fotografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2011 espone, nell'ambito di Fografica '11, il progetto Freakers[14], realizzato insieme a Daniella Benedetti in un anno e mezzo di lavoro.[15] Le sue fotografie e i suoi reportage di viaggio vengono spesso pubblicate su Vogue.it. Il giorno della liberazione di Rossella Urru, viene pubblicato sul portale del magazine italiano un coraggioso reportage di Olita sul Mali e sulla città di Tomboctou[16].

La passione per l'arte[modifica | modifica wikitesto]

È da sempre un appassionato di arte contemporanea, frequenta spesso opening e gallerie[17]. Il 24 gennaio 2012 realizza un reportage sul 24hr museum di Francesco Vezzoli a Parigi.[18]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Agenzie[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Agenzia di moda Casting Firenze
  2. ^ a b c johncasablancasmilano.com
  3. ^ a b Corriere.it Cantanti griffati, Armani il più gettonato
  4. ^ Marie Claire.it
  5. ^ Ivan Olita, All Music. URL consultato il 17-2-2009.
  6. ^ TV Sorrisi e canzoni - Sanremo, Bonolis presenta i 5 valletti
  7. ^ Tra gli interpreti principali de "I liceali 3"
  8. ^ Top of the Pops torna su Raidue con Ivan Olita e Gaia Ranieri. URL consultato il 09-02-2010.
  9. ^ blog.
  10. ^ reportage su Swide Magazine.
  11. ^ rubrica su Swide magazine.
  12. ^ Intervista a Stephen Dorff su Rolling Stone Magazine.
  13. ^ Reportage su Vanity Fair.
  14. ^ Freakers su Vanity Fair.
  15. ^ Freakers su corriere.it.
  16. ^ reportage su vogue.it.
  17. ^ Parteciapzione Ivan opening Lia Rumma.
  18. ^ video reportage per Vanity Fair.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]