Investitore istituzionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un investitore istituzionale è un operatore economico (società privata o ente a controllo pubblico) che effettua considerevoli investimenti in maniera sistematica e cumulativa, disponendo di ingenti possibilità finanziarie proprie o affidategli. Dagli scopi dell'acquisizione di titoli (quotati o meno) deve essere esclusa la loro rivendita al pubblico indistinto.

Della categoria degli investitori istituzionali fanno parte, in linea di massima:

  • società assicurative;
  • Banche;
  • società di gestione del risparmio;
  • istituti di credito o altri operatori finanziari professionali che operino per proprio conto o nell’ambito di un mandato di gestione per conto di loro clienti, anche privati;
  • organismi di investimento collettivo, quali fondi di investimento o fondi pensione;
  • enti pubblici territoriali;
  • holding finanziarie, quando dispongano di una reale sostanza, una struttura e un'attività proprie, distinte da quelle dei propri azionisti, e detengano interessi finanziari rilevanti;
  • le cosiddette holding familiari, a condizione che si tratti di società tramite le quali una famiglia o un ramo di una famiglia detenga interessi finanziari rilevanti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia