Ente (diritto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine ente (dal latino ens, participio presente del verbo esse, 'essere') nel linguaggio giuridico viene utilizzato talora come sinonimo di persona giuridica, altre volte con un significato più ampio.

Significato concettuale[modifica | modifica sorgente]

Nel linguaggio giuridico moderno si preferisce dare al termine ente un significato più ampio di quello di persona giuridica, riferendosi in generale ad un'organizzazione di persone o di beni che assume una qualche rilevanza per l'ordinamento giuridico. L'organizzazione di persone o di beni è il cosiddetto elemento materiale della persona giuridica, necessario ma non sufficiente per la sua esistenza, dovendo anche sussistere il cosiddetto elemento formale, ossia il riconoscimento. Peraltro, anche un'organizzazione priva di tale elemento formale può essere presa in considerazione dall'ordinamento, che gli può in particolare attribuire una certa autonomia patrimoniale, ossia una separazione, anche se non completa, tra il patrimonio ad essa riferibile e quello di altri soggetti del diritto.

In quest'ultima accezione possono essere fatti rientrare nel concetto di ente:

  • le persone giuridiche;
  • le organizzazioni private che non hanno ottenuto il riconoscimento e quindi non sono persone giuridiche (i cosiddetti enti di fatto);
  • le organizzazioni pubbliche, prive di personalità giuridica e parti di un ente pubblico più ampio, alle quali l'ordinamento riconosce una certa autonomia.

Quando l'ordinamento attribuisce ad enti, pur privi di personalità giuridica, un certo grado di autonomia patrimoniale essi, secondo una diffusa teoria, possono comunque essere considerati soggetti di diritto.

Utilizzo[modifica | modifica sorgente]

Il termine ente viene utilizzato, come sinonimo di persona giuridica, nelle espressioni:

  • ente morale, vecchia denominazione, ormai caduta in disuso, delle persone giuridiche;
  • ente pubblico, che indica le persone giuridiche create secondo le norme del diritto pubblico;[1]
  • ente ecclesiastico, che nell'ordinamento italiano indica le persone giuridiche che perseguono fini di religione o di culto, sorte nell'ambito della Chiesa cattolica o delle altre confessioni religiose e riconosciute dallo stato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nel linguaggio corrente il termine ente, senza ulteriori specificazioni, viene spesso utilizzato nel senso di ente pubblico

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Landi Guido, Ente (premessa), voce dell'Enciclipedia del diritto, Vol. XIV, Milano, Giuffrè, 1965

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto