Il libro delle illusioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il libro delle illusioni
Titolo originale The Book of Illusions
Autore Paul Auster
1ª ed. originale 2002
1ª ed. italiana 2003
Genere romanzo
Lingua originale inglese
Ambientazione America di fine anni '80 del Novecento
Personaggi David Zimmer
Hector Mann
Preceduto da Timbuctú
Seguito da La notte dell'oracolo

Il libro delle illusioni (The Book of Illusions) è un romanzo di Paul Auster, originariamente pubblicato nel 2002.

Venne nominato per il International IMPAC Dublin Literary Award nel 2004, arrivando tra i finalisti.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il professore univeristario David Zimmer, a causa della perdita della moglie e dei 2 figlioletti in un incidente aereo, cade in uno stato di depressione, annegando le sue giornate nella monotonia del dolore e nell'alcool. Una sera guardando un film comico del cinema muto, del regista e attore Hector Mann, rimane divertito e di buon umore. Decide così, un po' per curiosità ed un po' per trascorrere il tempo, di scoprire chi fosse Hector Mann, scomparso nel 1929. Dopo aver pubblicato un libro sul regista, Zimmer riceverà una lettera della presunta moglie di Hector, la quale dichiarerà che il signor Mann è vivo e desidera incontrare il suo biografo.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura