I figli della mezzanotte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I figli della mezzanotte
Titolo originale Midnight's Children
Autore Salman Rushdie
1ª ed. originale 1981
Genere romanzo
Lingua originale inglese

I figli della mezzanotte è un romanzo di Salman Rushdie del 1981. Nello stesso anno il romanzo ha vinto il James Tait Black Memorial Prize e il Booker Prize. In seguito è stato nominato "Booker of Bookers" nel 1993 e "Best of the Booker" nel 2008 per celebrare il venticinquesimo e il quarantesimo anniversario del premio, rispettivamente.[1] È nella classifica dei 100 libri del secolo di le Monde.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il libro narra le vicende dei mille bambini nati il 15 agosto 1947, allo scoccare della mezzanotte: il momento, cioè, in cui l'India ha proclamato la propria indipendenza dall'Impero britannico. Tutti costoro posseggono doti straordinarie: forza erculea, capacità di diventare invisibili e di viaggiare nel tempo, bellezza soprannaturale. Ma nessuno è capace di penetrare nel cuore e nella mente degli uomini come Saleem Sinai, il protagonista che, ormai in punto di morte, racconta la propria tragicomica storia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Midnight’s Children vince il Best of the Booker

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Adattamenti[modifica | modifica sorgente]

Dell'opera è stato realizzato un omonimo adattamento cinematografico per la regia della regista indiana Deepa Mehta. Il film è stato presentato al Toronto International Film Festival il 9 settembre 2012. In Italia è stato rilasciato il 28 marzo 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura