Hongzhi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Hongzhi
Ritratto ufficiale dell'Imperatore
Ritratto ufficiale dell'Imperatore
Imperatore
In carica 22 settembre 1487 – 8 giugno 1505
Predecessore Chenghua
Successore Zhengde
Nome completo Datian Mingdao Chuncheng Zhongzheng Shengwen Shenwu Zhiren Dade 達天明道純誠中正聖文神武至仁大德敬皇帝
Nascita 30 luglio 1470
Morte 8 giugno 1505
Dinastia dinastia Ming
Padre Chenghua
Madre Xiao Mu

L'imperatore Hongzhi (30 luglio 14708 giugno 1505) è stato Imperatore di Cina dal 1487 al 1505, fu il nono imperatore della dinastia Ming.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Hongzhi nacque nell'epoca in cui Lady Wan e la sua compagnia stavano tentando di eliminare ogni figlio nato dell'Imperatore Chenghua. Fu per un puro caso che il giovane Hongzhi venne salvato, venendo nascosto all'Imperatrice. Hongzhi poté riunirsi al padre solo all'età di 5 anni e nel 1475 venne proclamato principe ereditario. Hongzhi, essendo un bambino brillante, ricevette la migliore educazione della sua epoca. Egli venne immerso nella scuola confuciana e fu un'eccellente studente.

Il regno da imperatore[modifica | modifica wikitesto]

Hongzhi ascese al trono nel 1487 e la sua amministrazione venne modellata perfettamente sul modello dell'ideologia confuciana divenendo egli stesso un instancabile lavoratore ed un imperatore diligente. Supervisionò personalmente tutti gli affari di stato, abbassò le tasse e prese decisioni accorte, circa le nomine dei ministri e dei consiglieri. Suoi rappresentanti come Liu Jian, Xie Qian e Wang Shu lavorarono fianco a fianco con Hongzhi creando un'atmosfera positiva di collaborazione al governo. Inoltre, l'Imperatore Hongzhi, incoraggio i suoi ministri a trarre vantaggi dalle critiche, anche quelle dirette verso l'Imperatore, senza pensare solo a punirle sconsideratamente. Questo creò un governo più trasparente e diede nuovo lustro ed energia alla dinastia Ming. Come risultato la popolazione prosperò sotto il suo regno e fece il possibile anche per emarginare sempre più lo strapotere degli eunuchi, riducendo gli intrighi di palazzo presenti dei regni precedenti. Hongzhi venne comparato da molti suoi contemporanei alla figura degli imperatori Hongwu e Yongle ed è ancora oggi indicato dagli storici come uno dei più illuminati imperatori della dinastia Ming.

Crisi di successione[modifica | modifica wikitesto]

A differenza della maggior parte dei suoi predecessori che ebbero molte concubine che diedero alla luce molti figli, l'Imperatore Hongzhi ebbe una sola moglie in tutta la sua vita. L'Imperatrice Zhang diede alla luce solo due figli uno dei quali morì ancora in fasce lasciando a Hongzhi un solo erede al trono. Dopo la morte di Hongzhi nel 1505, gli succedette appunto questo suo figlio Zhengde. Sfortunatamente Zhengde morì senza figli nel 1521 ed il trono passò a suo cugino, il che pose fine alla linea diretta di ascesa da Hongzhi.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Imperatore della Cina Successore China Qing Dynasty Flag 1889.svg
Chenghua 22 settembre 1487 – 8 giugno 1505 Zhengde

Controllo di autorità VIAF: 78708973 LCCN: nr2001037196

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie