Himno de Andalucía

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Inno dell'Andalusia
Premi qui per ascoltare una versione strumentale dell'inno

L'Himno de Andalusia è una composizione musicale del direttore d'orchestra José Díaz del Castillo della Banda Municipale di Siviglia, comunemente noto come Maestro Castillo e con testo di Blas Infante. La musica si ispira al Santo Dio, una canzone popolare religiosa che i contadini e gli operai in alcune regioni canto andaluso durante la vendemmia. Blas Infante conosceva questa canzone sia un notaio nella città di Cantillana, che è stato interpretato come preghiere canti. Nelle province di Malaga, Siviglia e Huelva Blas Infante ha portato la canzone a conoscenza Maestro Castillo , che ha adattato e armonizzato la melodia. L'appello inno alla andalusi di mobilitare e chiedere "terra e libertà", attraverso un processo di riforma e statuto di autonomia politica a Andalusia.

L'inno di Andalusia è stata presentata dalla Banda Municipale di Siviglia, sotto la direzione di José del Castillo, in un concerto tenuto nell'Alameda de Hércules il 10 luglio del 1936, una settimana prima dell'inizio del Guerra Civile. Durante la guerra Franco ha solo conservato un manoscritto per pianoforte. E'stato rieseguito dopo quasi trent'anni nel corso della transizione democratica nel Teatro Lope de Vega della stessa banda il 18 ottobre del 1979. Due anni prima, nel mese di aprile 1977 Carlos Cano ha fatto un adattamento cantato dal coro Heliopolis la cui registrazione Siviglia ed ex colleghi hanno partecipato Blas Infante. Dal 1980 ha ricoperto numerose versioni dell'inno, essendo particolarmente degni di nota e le revisioni effettuate strumentazioni di Manuel Castillo nel 1980.

Ai sensi dell'articolo 6.2 dello Statuto di autonomia di Andalusia, 1981:

«  Andalusia ha il suo inno e il cappotto, che deve essere approvato in via definitiva dal Parlamento andaluso legge, tenendo conto degli accordi di tali estremi dettati dal Assemblea di Ronda, 1918 »

Ai sensi dell'articolo 5 della legge 3/1982, l'inno e il Mantello di Andalusia:

«  Andalusia ha il suo inno. Dichiarata come la musica creata dal genio andaluso stesso popolare annotazioni del padre fondatore andaluso, Blas Infante, che ha scritto i testi e armonizzate di Jose Castillo e Diaz. [...] Vedi legge 3/1982, l'inno e il Mantello di Andalusia  »

Ai sensi dell'articolo 3.3 del Statuto di autonomia di Andalusia 2007:

«  Andalusia ha il suo inno, la legge approvata dal Parlamento, così come pubblicata dalla Junta de Andalucía Liberalista nel 1933. Cfr. il testo integrale in Statuto di autonomia di Andalusia, 2007 »

Questo non è l'unica canzone che è stata composta per l'Andalusia. Nei primi anni del Novecento la Giralda pasodoble, di Eduardo Lopez Juarranz, è considerato inno non ufficiale di Andalusia dal cerchio andaluso regionalista. Del Ateneo de Sevilla[1] Anche in 1930 in anteprima presso la sede di Madrid Andalusia Hymn con testi e musica di Conrad Goettig Andrés María del Carpio.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La Giralda. Pasodoble :: BSMO Ogíjares