Guglielmo I, Langravio d'Assia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guglielmo I, Langravio d'Assia
Langravio d'Assia
In carica 1471-1493
Predecessore Ludovico II, 1458–1471
Successore Guglielmo II, 1493-1500
Nascita 4 luglio 1466
Morte Spangenberg, 8 febbraio 1515
Casa reale Assia
Padre Ludovico II
Madre Matilda di Württemberg-Urach
Consorte Anna di Brunswick-Wolfenbüttel
Figli da Anna di Brunswick
Matilde, Matilda, Anna, Caterina, Elisabetta d'Assia

Guglielmo I d'Assia (4 luglio 1466Spangenberg, 8 febbraio 1515) fu Langravio d'Assia, esponente della Riforma protestante nel periodo del Rinascimento tedesco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

I suoi genitori erano Ludovico II der Freimütige (1438–1471) e Matilda di Württemberg-Urach, figlia di Ludovico I Conte di Württemberg. Guglielmo fu presto influenzato dagli orientamenti religiosi di sua madre. Dopo la morte nel 1483 di suo zio e tutore, Enrico III il Ricco, Langravio dell'Assia Superiore (Marburg), Guglielmo assume gli affari di governo. Nel 1488, sposò Anna di Brunswick (* 1460; † 1520), dalla quale ebbe cinque figlie. Dopo un pellegrinaggio in Palestina nel 1491-1492[1] Guglielmo si ammalò, probabilmente di sifilide e, a causa della malattia mentale conseguente, il 3 giugno 1493 cedette il governo al fratello Guglielmo II. Si ritirò nel Castello di Spangenberg, dove morì nel 1515.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

  • Matilde (* 1489; † 1493)
  • Matilda (* 1490; † 6 maggio 1558), dal 1500 al 1526 monaca del convento Kloster Weißenstein vicino a Kassel; il 19 maggio 1527 a Kassel sposò il Conte Konrad von Tecklenburg (* 1493; † 16 agosto 1557)
  • Anna (* 1491; † 1513), una suora di Kloster Ahnaberg vicino a Kassel
  • Caterina (* 1495; † 1525), sposò nel 1511 il conte Adam von Beichlingen (Adelsgeschlecht) († Krayenberg 14 luglio 1538)
  • Elisabetta d'Assia (* 1503; † 1563), sposata il 16 ottobre 1525, al suo primo matrimonio, col Conte Palatino Luigi II di Zweibrücken e Veldenz (* 1502; † 1532), sposata il 9 gennaio 1541 al suo secondo marito, Conte Palatino Giorgio di Simmern (* 1518; †1569)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dopo la lettura del diario di questo pellegrinaggio da Dietrich von Schachten, Consigliere del Langravio.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Eckhardt G. Franz: Das Haus Hessen. Eine europäische Familie. Kohlhammer, Stuttgart, 2005 ISBN 3-17-018919-0
  • (DE) Pauline Puppel: Die Regentin. Vormundschaftliche Herrschaft in Hessen 1500 - 1700, Frankfurt/Main 2004, ISBN 3-593-37480-3
  • (DE) Dietrich von Schachten: In Gottes Namen fahren wir.... Die Pilgerfahrten des Landgrafen Wilhelm des Älteren von Hessen in das heilige Land. Heimatschollen-Verlag A. Bernecker, Melsungen 1925. Reihe Hessen-Nassauische Bücherei.
  • (DE) Rajah Schepers: Regentin per Staatsstreich? Landgräfin Anna von Hessen (1485-1525), Helmer 2007, ISBN 3-89741-227-6
  • (DE) Reimer: Wilhelm I. Landgraf von Hessen In: Allgemeine Deutsche Biographie (ADB). Band 43, Duncker & Humblot, Leipzig 1898, S. 27 f.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) *Wilhelm I. v Hessen Allgemeine Deutsche Biographie. Band 43, Duncker & Humblot, Leipzig 1906, p. 27.

Controllo di autorità VIAF: 81169630