Graft-versus-host disease

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Graft versus host disease
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 996.85
ICD-10 (EN) T86.0
Sinonimi
Graft versus host disease
GVHD
Reazione del trapianto verso l'ospite

La malattia del trapianto contro l'ospite (inglese Graft versus Host Disease, da cui la sigla GVHD) è una comune forma di complicanza medica, una sindrome che si ottiene quando durante un trapianto di tessuto od organo, le cellule del donatore forniscono una risposta esagerata aggredendo il sistema immunitario della persona ricevente immunosoppressa, riconoscendolo come corpo estraneo.

Casi specifici riguardano il trapianto delle cellule staminali periferiche allogeniche e il trapianto di midollo osseo.

Tipologia[modifica | modifica sorgente]

Clinicamente, la graft-versus-host-disease si divide nelle forme acuta e cronica:

  • La forma acuta o fulminante della malattia si osserva nei primi 100 giorni dalla data del trapianto.[1]Essa si manifesta con morte delle cellule epiteliali di cute, fegato e tratto gastrointestinale con sintomi correlati come diarrea, emorragia, ittero ed eruzioni cutanee. Se la morte cellulare è molto estesa, questa GVHD può essere mortale per il paziente trapiantato
  • La forma cronica invece se decorre dopo tale periodo. Essa è caratterizzata da fibrosi e atrofia degli stessi organi colpiti anche dalla GHVD acuta, senza evidente morte cellulare acuta. può inoltre coinvolgere i polmoni causando obliterazione delle vie aree e può essere fatale se non curato. Si ipotizza che la GVHD cronica sia la risposta fibrotica dell'organismo che tenta di arginare i danni causati dalla GVHD acuta, ma potrebbe anche rappresentare una risposta all'ischemia causata da danni vascolari

Le distinzioni fra i due tipi comprendono anche altri fattori, non limitandosi ad una semplice tempistica della manifestazione.

Sintomatologia[modifica | modifica sorgente]

Si presentano rash cutaneo, diarrea, nausea, dolore addominale.

Patogenesi[modifica | modifica sorgente]

Le citochine attivano le cellule APC della persona che ospita l'organo o il tessuto, ed esaltano il riconoscimento di MHC-I e MHC-II, comportando un coinvolgimento delle cellule T. In seguito i macrofagi avviano la fase dove l'organo viene danneggiato.

Tale azione in definitiva coinvolge tre parti del corpo specifiche: la cute, l'intestino (il più colpito) e il fegato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Sito su Graft versus Host Disease

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Gianluigi Castoldi, Liso Vincenzo, Malattie del sangue e degli organi ematopoietici quinta edizione, Milano, McGraw-Hill, 2007, ISBN 978-88-386-2394-3.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina