Ghiandola esocrina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ghiandola salivare umana, una ghiandola esocrina. Sulla sinistra sono visibili numerosi adenomeri alveolari, che secernono muco.

Le ghiandole esocrine sono ghiandole che versano il loro secreto all'esterno del corpo o in cavità comunicanti con l'esterno (per esempio, le ghiandole sudoripare, lacrimali, salivari). Hanno un funzionamento opposto rispetto alle ghiandole endocrine (che riversano invece i loro prodotti all'interno del corpo o nei vasi sanguigni) e, morfologicamente, si contraddistinguono per la presenza di un canale cavo, di forma tubulare e denominato dotto escretore che le connette all'esterno del corpo, e permette la secrezione.

Tipi di ghiandole esocrine[modifica | modifica sorgente]

Esistono diversi tipi di ghiandole esocrine, che vengono classificate attraverso vari parametri:

Per numero di cellule[modifica | modifica sorgente]

Le ghiandole esocrine sono generalmente pluricellulari; esiste però nei mammiferi un unico caso di ghiandola unicellulare: la cellula mucipara caliciforme, che secerne muco.

Per struttura[modifica | modifica sorgente]

Le ghiandole esocrine sono costituite da due porzioni morfologicamente e funzionalmente distinte: la porzione escretrice, costituita dal dotto escretore, e la porzione secernente, definita adenomero. La struttura di entrambe queste porzioni può essere un carattere distintivo per classificare la ghiandola:

  • quando la ghiandola è costituita da un solo adenomero e da un solo dotto escretore essa è detta semplice; quando due o più adenomeri confluiscono in un unico dotto escretore si ha la ghiandola ramificata; quando, infine, più dotti escretori con i loro adenomeri confluiscono verso un unico dotto escretore maggiore, la ghiandola viene detta composta.
  • l'adenomero può assumere varie conformazioni, in base alle quali viene dato un nome all'intera ghiandola: può essere a forma di sacculo sferico con lume ampio (ghiandole alveolari), a forma di acino con lume molto ristretto (ghiandole acinose), a forma di tubulo rettilineo(ghiandole tubulari) o avvolto su sé stesso (ghiandole a gomitolo o tubulo-glomerulari), o ancora essere composto da adenomeri diversi tra loro (ghiandole tubulo-alveolari o tubulo-acinose).

Per metodo di secrezione[modifica | modifica sorgente]

Modalità di secrezione cellulare esocrina.

Le ghiandole esocrine possono essere classificate in base al modo in cui le cellule che compongono l'adenomero espellono il secreto:

  • nelle ghiandole merocrine o eccrine le cellule liberano solo il secreto, tramite esocitosi.
  • nelle ghiandole apocrine una parte della membrana cellulare delle cellule secretrici si invagina e si estroflette, separandosi dalla cellula assieme al secreto e a parte del citoplasma.
  • nelle ghiandole olocrine l'intera cellula va incontro a lisi durante il processo di secrezione.

Per tipo di secreto[modifica | modifica sorgente]

Le ghiandole vengono classificate infine tramite il tipo di secreto che producono:

  • le ghiandole sierose producono un secreto detto appunto siero, ricco di proteine ed enzimi.
  • le ghiandole mucose secernono muco, un sostanza costituita principalmente da glicoproteine e glicosaminoglicani.
  • le ghiandole miste producono invece sia siero che muco.
  • * le ghiandole ''citogeniche ''che producono cellule. (es. spermatozoi nei tubuli seminiferi).
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina