Glottide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La glottide è il segmento intermedio della laringe in corrispondenza delle corde vocali.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

La glottide è posta all'altezza della laringe che è l'organo preposto alla fonazione. È costituita per la maggior parte da uno scheletro di cartilagine diviso in tre sezioni: la cricoide, le aritenoidi e la tiroide (quest'ultima presente solo nei mammiferi). Queste sezioni vengono articolate da legamenti e muscoli che hanno il compito di restringere e dilatare, tendere e rilasciare le corde vocali. È la glottide che, in base alle varie posizioni assunte dalle corde vocali, modifica la colonna d'aria che giunge dai polmoni per dar luogo a diversi modi di fonazione: la sonorità, la sordità, il sussurro, il mormorio o bisbiglio, la laringalizzazione, il colpo di glottide e l'aspirazione. La glottide concorre esclusivamente alla produzione vocale. L'articolazione dei vari suoni avviene a livello dell'appartato oronasale, incontrando vari ostacoli (gli articolatori) che con il loro intervento produrranno i suoni del linguaggio.

La glottide serve a isolare l'apparato digerente dalle vie aeree (l'esofago dalla trachea). Durante la respirazione la glottide resta aperta e permette l'ingresso e l'uscita dell'aria. Durante la deglutizione, per evitare che il cibo penetri nelle vie aeree, (nei mammiferi) è chiusa temporaneamente dall'epiglottide.

I suoni che si pronunciano utilizzando solo la glottide sono chiamate consonanti glottidali.

Glottis positions.png

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]


Anatomia Portale Anatomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Anatomia