Giovanni Coda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Coda presenta la proiezione de Il Rosa Nudo" al 28° Festival Mix di Milano

Giovanni Coda (Cagliari, 19 gennaio 1964) è un regista e fotografo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce il 19 Gennaio 1964 a Cagliari. Dal 1996 dirige il V-art (Festival Internazionale Immagine d’Autore) e nel 2005 cura la Rassegna audiovisiva del Festival di Musica Elettroacustica Confluencias di Huelva, Spagna. Ha al suo attivo installazioni di fotografia e videoarte in musei e gallerie di varie città tra cui Venezia (Biennale della videoarte), Tokyo (Ayoama University), Londra (Watermans Arts Centre), Parigi (Maison d’Italie), Madrid (Museo del Rejna Sofia), Milano (Biennale della Videoarte), Roma (Teatro Vittorio). Nel 2013 esordisce con il suo primo lungometraggio Il Rosa Nudo, proiettato in anteprima nazionale all'edizione 2013 del Torino GLBT Film Festival - Da Sodoma a Hollywood.

Filmografia (cortometraggi e lungometraggi)[modifica | modifica wikitesto]

Anno Film Note
1995 P-salm Menzione speciale della Giuria al Festival Videogramma di Catania (Estate Catanese diretta da Franco Battiato).
1995 L’Attesa Premio Miglior Film, Miglior Fotografia e Miglior Montaggio al Premio nazionale per il cortometraggio sociale Nickelodeon[1] di Spoleto.
1996 L’Ombra del Ricordo Premio Fuji Miglior Cortometraggio Italiano al Festival del Cinema di Arezzo 1996. Premio Miglior Fotografia 1996 al Festival del Cinema di Palermo.
1998 Il Passeggero[2]
2002 Serafina
2005 Big Talk[3]
2012 Brightness[4]
2013 Il Rosa Nudo Selezionato come Evento Speciale all'interno del Queer Lion alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia del 2013.[5]
Gold Jury Prize, premio per il miglior lungometraggio, al Social Justice Film Festival 2013 di Seattle.[6]
Selezione Ufficiale al Torino GLBT Film Festival 2013.
Selezione Ufficiale al Florence Queer Festival 2013.
Selezione Ufficiale al Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli 2013.
Selezione Ufficiale al Macon Film Festival 2014. Nomination nelle categorie Best Narrative Feature, Best Directing, Best Acting, Best Editing. Georgia, USA.[7]
Selezione Ufficiale al Athens International Film + Video Festival 2014, Athens, Ohio, USA.
Premio Film For Peace Award al Gothenburg Indie Film Fest 2014, Göteborg, Svezia.
Selezione Ufficiale al KASHIS Mumbai International Queer Film Festival 2014, Mumbai, India.
Selezione Ufficiale al 28° Festival Mix, Milano.
Candidato alle Selezioni Ufficiali 2013/14 per la categoria "Opera Prima" al Premio David di Donatello dell'Accademia del Cinema Italiano. [8]
Candidato alle Selezioni Ufficiali per il premio Ciak d'Oro 2014. [9]
Best International Film Award al 15° Melbourne Underground Film Festival (MUFF) 2014, Australia. [10]
Award of Excellence all' Accolade Competition 2014.
Selezione Ufficiale al Perlen Film Festival Hannover 2014, Germania.
Gold Award al Documentary & Short International Movie Award 2014, Jakarta, Indonesia.
Bronze Plaque Award al Columbus International Film & Video Festival 2014, USA.
Diamond Award all'International Film and Photography Festival (IFPF) 2014, Jakarta, Indonesia.
Selezione Ufficiale al CLIFF - Castlemaine Local and International Film Festival 2014, Australia.
Selezione Ufficiale al Salento LGBT Film Fest 2014, Lecce.
Primo Premio Miglior Lungometraggio Fiction all' Omovies Film Fest 2014, Napoli.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Corpo di Coda , Cinemecum (consultato in data 22-09-2013);
  • Il Rosa Nudo, La Repubblica.it -TrovaCinema (consultato in data 19-06-2013);
  • Maria Grosso, Florence Queer Festival. Liberatori, ironici, di inafferrabile sensualità, Alias supplemento del Il Manifesto, 02-11-2013 (consultato in data 06-01-2014);
  • "Il Rosa Nudo" di Giovanni Coda vince al Social Justice Film Festival di Seattle, cinemaitaliano.info (consultato in data 18-11-2013);
  • Elisabetta Randaccio, Il Rosa Nudo: per una memoria dell'omocausto. Sulle orme di Pierre Seel, in Andrea Minuz e Guido Vitiello (a cura di), La Shoah nel cinema italiano, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2013, pp. 196-198, ISBN 978-88-498-3871-8.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Premio nazionale per il cortometraggio sociale Nickelodeon (consultato in data 22-02-2014)
  2. ^ Il Passeggero (consultato in data 22-02-2014)
  3. ^ Big Talk - L'amor que desune (consultato in data 22-02-2014)
  4. ^ Brightness (consultato in data 22-02-2014)
  5. ^ Evento Speciale Il Rosa Nudo di Giovanni Coda alla 70ma Mostra del Cinema di Venezia IMG Press (consultato in data 22-02-2014).
  6. ^ Seattle Social Justice Film Festival 2013 Award Winners (consultato in data 22-02-2014)
  7. ^ Il Rosa Nudo al Macon Film Festival (consultato in data 22-02-2014)
  8. ^ Film Italiani in concorso 2013-2014: Il Rosa Nudo. (consultato in data 30-06-2014)
  9. ^ Ciak d'Oro 2014. I film italiani, Ciak N.5 del 05-05-2014, pg. 93 (consultato in data 30-06-2014)
  10. ^ Margherita Angelucci, Quello sterminio dimenticato. Il regista sardo Giovanni Coda all'Underground Film Festival con la pellicola Il Rosa Nudo, Il Globo (1959), Melbourne, 08-09-2014 (consultato in data 08-09-2014);

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]