Genius loci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il libro omonimo di Christian Norberg-Schulz, vedi Genius loci (saggio).

Il Genius loci è un'entità naturale e soprannaturale legata a un luogo e oggetto di culto nella religione romana. Tale associazione tra Genio e luogo fisico si originò forse dall'assimilazione del Genio con i Lari a partire dall'età augustea. Secondo Servio, infatti, nullus locus sine Genio (nessun luogo è senza un Genio) (Commento all'Eneide, 5, 95).

Nel neopaganesimo, secondo il Movimento Tradizionale Romano, il Genius loci non va confuso con il Lare perché questi è il Genio del luogo posseduto dall'uomo o che l'uomo attraversa (come i Lari Compitali e i Lari Permarini), mentre il Genius loci è il Genio del luogo abitato e frequentato dall'uomo. Inoltre quando si invoca il Genius loci bisogna precisare sive mas sive foemina ("che sia maschio o che sia femmina") perché non se ne conosce il genere[1].

Attestazioni del Genius loci[modifica | modifica wikitesto]

  • attestazione generica di un genius loci (CIL, VI, 247; 30884; 30885)
  • Genius horreorum (CIL, VI, 235; 236; 237; 238)
  • Genius loci et stationis (CIL, VI, 36779)
  • Genius venalici (CIL, VI, 399)
  • Genius stationis aquarum (CIL, VI, 36781)
  • Genius Caeli Montis (CIL, VI, 334)
  • Genius fori vinarii (Ostia: CIL, X, 543)
  • Genius curiae (CIL, VI, 5996)
  • Genius decuriae (CIL, VI, 244)
  • Genius familiae monetalis (CIL, VI, 239
  • Genius pagi livi (CIL, V, 4909)
  • Genius pagi Arusnatium (CIL, V, 3915)
  • Genius colonae aquiliae (AE, 1934, 234)
  • Genius coloniae Florentiae (CIL, XI, 7030)
  • Genius coloniae Ostiensis (CIL, XIV, 9; G. c. Ostiensium CIL, XIV, 8)
  • Genius corporis pellionum Ostiensium (CIL, XIV, 10)
  • Genius corporis splendidissimi inportantium et negotiantium vinariorum (AE, 1955, 165)
  • Genius municipi cultorum (AE, 1965, 193)
  • Genius municipi Segusini (CIL, V, 7234; 7235)
  • Genius municipi Castrimoeniensis (CIL, XIV, 2454)
  • Genius municipi Praenestini (CIL, XIV, 2889)

Trasposizione del concetto in architettura[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genius loci (saggio).

Nel tempo moderno, genius loci è divenuta un'espressione adottata in architettura per individuare un approccio fenomenologico allo studio dell'ambiente, interazione di luogo e identità. Con la locuzione di genius loci si intende individuare l'insieme delle caratteristiche socio-culturali, architettoniche, di linguaggio, di abitudini che caratterizzano un luogo, un ambiente, una città. Un termine quindi trasversale, che riguarda le caratteristiche proprie di un ambiente interlacciate con l'uomo e le abitudini con cui vive questo ambiente. Suole indicare il "carattere" di un luogo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Punto 2 del Massimario del Mos Maiorum in Movimento Tradizionale Romano (a cura del). Memoranda et agenda. La Spezia, Edizioni del Tridente, 1996.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]