Genepì

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un cespuglio di Genepì fotografato sulle Alpi Orobie

Genepì (in francese Génépi o Génépy[1]) è il nome comune di diverse specie di piante aromatiche del genere Artemisia che crescono sulle Alpi centro-occidentali (Artemisia umbelliformis, Artemisia genipi o Artemisia glacialis); da alcune si ricava per infusione e distillazione un liquore che porta lo stesso nome.

Nella cultura popolare il fiore dell'Artemisia genipi viene creduto di genere maschile (Genepì maschio) e quello dell'Artemisia mutellina di genere femminile (Genepì femmina o Genepì bianco); entrambe sono cespugli di piccole dimensioni (5/20 cm di diametro e 10/15 cm di altezza). L'Artemisia glacialis non è adatta all'infusione, perché contiene gli oli essenziali solamente nel seme.[2]

Essendo il Genepì una pianta protetta, il fiore utilizzato per aromatizzare l'etanolo destinato alla produzione del liquore è coltivato. Le coltivazioni sono localizzate per lo più In Valle d'Aosta e in Piemonte, e si effettuano a quote relativamente basse (1.900 - 2.000 m.slm), mentre il genepì non coltivato cresce a quote più alte, ovvero tra i 2.200 e i 3.000 mt.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ortografia diffusa in Valle d'Aosta.
  2. ^ Sito sul genepy

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]