Garda (Sonico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Garda
frazione
Garda (in alto) e Zazza
Garda (in alto) e Zazza
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Brescia-Stemma.png Brescia
Comune Sonico-Stemma.png Sonico
Territorio
Coordinate 46°07′41″N 10°21′16″E / 46.128056°N 10.354444°E46.128056; 10.354444 (Garda)Coordinate: 46°07′41″N 10°21′16″E / 46.128056°N 10.354444°E46.128056; 10.354444 (Garda)
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale 25048
Prefisso 0364
Fuso orario UTC+1
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Garda
Parrocchiale di Santa Maria

Garda è una frazione del comune di Sonico, in media Val Camonica, provincia di Brescia.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Si tratta della seconda frazione comunale più popolosa, nonché di quella situata a maggiore altitudine (1054 m slm).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel seicento si ricordava di una lapide, probabilmente di epoca romana che riportava:[1]

« AUR. CRISPINUS HAVR
VICTORIA
COMPAR. EIUS DE PARCIMONIO
SUO
DOMUM AETERNAM VIVI SIBI
POSUERUNT »

Garda si divideva in tre contrade: Case di Sotto, Case di Sopra e Benedetti.[2]

A Garda nel 1677 esisteva una confraternita di disciplini governata da sole donne.[3]

Antichi Originari[modifica | modifica sorgente]

Gli Antichi Originari erano, al tempo delle vicinie, i capifuoco delle famiglie native del paese: essi erano gli unici che avevano il potere di deliberare nei consigli, mentre i nobili, gli ecclesiastici e gli stranieri (anche se residenti da diverse generazioni nel paese) ne erano esclusi. I cognomi degli Originari di Garda, riportati nei registri della vicinia, erano:[4]

  • Caldinelli
  • Casarotti
  • Fanetti
  • Foini
  • Frizza
  • Gelmi
  • Gulberti
  • Lela
  • Molinari
  • Mottinelli
  • Turetti

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

Le chiese di Garda sono:[5]

  • Parrocchiale di S. Maria, del XVIII secolo.
  • Chiesa di San Lorenzo, rimaneggiata nel XVII, ma di origine romanica, si legge su una pietra la data 1159.

Società[modifica | modifica sorgente]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica sorgente]

Gli scütüm sono nei dialetti camuni dei soprannomi o nomiglioli, a volte personali, altre indicanti tratti caratteristici di una comunità. Quello che contraddistingue gli abitanti di Garda è Galbaròcc o Gardatzì.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Elenco dei consoli della vicinia di Garda:[6]

Anno Console Carica
1695 Gio Alberto Gulberti
1730 Gulberto Gulberti
1735 Giovanni Casarotti
Giacomo Mottinelli
1736 Lorenzo Gulberti I
1737 Bernardino Gulberti
1737 Bernardino Gulberti I
1739 Giovanni Fanetti
1740 Lorenzo Gulberti II
1742 Bernardino Gulberti II
1743 Bernardo Mottinelli
1745 Bortolo Foino I
1746 Bortolo Mottinelli I
1748 Lorenzo Canino
1750 Domenico Fanetti I
1751 Bortolo Foino
Michele Foino
II
I
1754 Lorenzo Frizza
Lorenzo Mottinelli
I
1755 Michele Foino II
1756 Domenico Fanetti II
1758 Giacomo Gulberti I
1759 Lorenzo Cani
1760 Bortolo Mottinelli II
1761 Lorenzo Frizza II
1762 Gio Battista Foino
Giacomo Gulberti
-
II
1763 Giacomo Gulberti
1764 Bortolo Casarotti
1765 Giacomo Mottinelli

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Bontempi, op. cit., p. 162.
  2. ^ Bontempi, op. cit., p. 75.
  3. ^ Bontempi, op. cit., p. 335.
  4. ^ Bontempi, op. cit., p. 462.
  5. ^ Fontana, op. cit., p. 127.
  6. ^ Bontempi, op. cit., p. 376.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Franco Bontempi, Storia del comune di Sonico, Padova, Upsel Domenighini, 2003. ISBN 978-88-7126-215-4.
  • Eugenio Fontana, Terra di Valle Camonica, Brescia, Industrie Grafiche Bresciane, 1984.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Val Camonica Portale Val Camonica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Val Camonica