Ferdinando d'Aragona (1488-1550)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno di Napoli (1441-1503)
Trastamara
Coat of Arms of Ferdinand I of Naples.svg

Alfonso I (1441-1458)
Figli
Ferdinando I (1458-1494)
Alfonso II (1494-1495)
Ferdinando II (1495-1496)
Federico I (1496-1503)
Figli
  • Carlotta
  • Ferdinando (1488-1550)
  • Giulia (1492-1542)
  • Alfonso
  • Cesare
  • Isabella
Modifica
Ferdinando d'Aragona

Ferdinando d'Aragona (Andria, 15 dicembre 1488Valencia, 26 ottobre 1550) è stato un principe italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ferdinando d'Aragona è stato duca di Calabria ed erede al trono di Napoli, in seguito venne nominato viceré di Valencia. Egli era il figlio maggiore del re Federico I di Napoli e di Isabella del Balzo. Ha giocato un ruolo significativo nella politica mediterranea della Corona d'Aragona agli inizi del XVI secolo. Egli non deve essere confuso con il suo famoso contemporaneo, parente e omonimo re Ferdinando II d'Aragona.

Nel 1501 le truppe di Luigi XII di Francia e di Ferdinando il cattolico occuparono il Regno di Napoli durante la guerra di Napoli (1499-1504). Il giovane Ferdinando si trovava a Taranto che fu assediata dalle forze spagnole sotto il comando di Gonzalo Fernández de Córdoba. Durante l'assedio, gli fu assicurata la libertà dopo la resa della città, ma Ferdinando fu fatto prigioniero e portato in Spagna[1] dove rimase sotto la tutela dei sovrani iberici per oltre venti anni.

Nel 1526 sposò Germana de Foix, vedova del re d'Aragona, diventando viceré di Valencia, dove stabilì una corte vivace che promosse il teatro e la musica.

Dopo la morte di Germana nel 1538, prese come moglie in seconda nozze nel 1541, Mencia de Mendoza vedova di Enrico di Nassau.

Morì nel 1550 lasciando i suoi beni al monastero di San Miguel de los Reyes[2], tra i quali la sua voluminosa biblioteca[3]. Fu sepolto in questo monastero con la prima moglie, Germana de Foix.

Con la sua morte senza discendenti legittimi, si estinse in linea maschile la dinastia d'Aragona-Napoli.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Jerónimo Zurita y Castro: Historia del rey Don Fernando el Católico. De las empresas, y ligas de Italia, libro IV, cap. LII, LIII y LVIII.
  2. ^ Morte del duca
  3. ^ Inventario dei libri di Ferdinando d'Aragona, duca di Calabria (1875)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]