Ex abrupto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La locuzione latina ex abrupto, tradotta letteralmente, significa improvvisamente.

Deriva dal participio perfetto del verbo abrumpo «interrompere, troncare»; quindi spezzato, tronco, a precipizio.

Usata in contesti diversi, mette in rilievo nettamente il carattere improvviso, celere e inaspettato della situazione.

Esempio d'uso: Cicerone inizia ex abrupto la prima delle orazioni Catilinarie con la famosa invettiva «Quousque tandem abutere, Catilina, patientia nostra?» che, tradotta letteralmente, significa «Fino a quando dunque, Catilina, abuserai della nostra pazienza?».

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

lingua latina Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina