Ernesto Aloia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ernesto Aloia

Ernesto Aloia (Belluno, 1965) è uno scrittore italiano.

Laureato in lettere, vive a Torino. Il suo primo racconto, dal titolo Nel cortile in un angolo d'ombra, è stato pubblicato nel 1995 su Maltese Narrazioni.[1]

Per minimum fax ha pubblicato nel 2003 Chi si ricorda di Peter Szoke?, una raccolta di cinque racconti (Le notti cieche, Pavel, Concentrazione, Non aspettatevi troppo dalla fine del mondo, Giorni di un uomo sottile [2]).

Nel 2006, sempre per minimum fax, pubblica Sacra fame dell'oro [3], una raccolta di altri quattro racconti (La situazione, Missilistica per dilettanti, Punto di domanda, Locuste [4]), vincitrice della XX edizione del premio letterario "Montà d'Alba - C. Cocito" [5]. Il racconto La situazione è stato pubblicato in precedenza nella raccolta La qualità dell'aria. Storie di questo tempo (2004), a cura di Nicola Lagioia e Christian Raimo.[6]

Nel 2007 esce il suo primo romanzo, I compagni del fuoco (Rizzoli).[7]

Nel 2011 esce il suo secondo romanzo, Paesaggio con incendio (minimum fax).

Altri suoi scritti sono in Piersandro Pallavicini, Riviste anni '90: l'altro spazio della nuova narrativa, (Fernandel) (1999) e in AA.VV., Castel del Rio 1944: tra la Linea Gotica e Monte Battaglia, (La mandragora) (2003).[8]

È stato redattore nella rivista letteraria Maltese Narrazioni,[9] uscita dal 1989 al 2007, su cui ha anche pubblicato diversi racconti.[10]

Lavora come bibliotecario, occupandosi di catalogazione e reference, nella Biblioteca "Giovanni Tabacco" del Dipartimento di Storia dell'Università di Torino.[11][12]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Chi si ricorda di Peter Szoke?, minimum fax, 2003. Antologia di racconti.
  • Sacra fame dell'oro, minimum fax, 2006. Antologia di racconti.
  • I compagni del fuoco, Rizzoli, 2007, romanzo.
  • Paesaggio con incendio, minum fax, 2011, romanzo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biografia sul sito ufficiale del Premio Grinzane Cavour
  2. ^ Scheda su BOL
  3. ^ , il titolo è tratto dalla Divina Commedia di Dante Alighieri, dal canto XXII del Purgatorio, v. 40.
  4. ^ Scheda su BOL
  5. ^ Scheda dell'opera - minimum fax
  6. ^ Biografia sul sito della casa editrice minimum fax
  7. ^ Biografia sul sito della casa editrice Rizzoli
  8. ^ OPAC
  9. ^ La redazione di Maltese Narrazioni
  10. ^ [1][2][3][4][5]
  11. ^ Personale della Biblioteca "Giovanni Tabacco"
  12. ^ OPAC - Scheda di autorità.

Controllo di autorità VIAF: 42138273