Epifenomenismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nell'ambito della filosofia della mente, l'epifenomenismo è la teoria secondo la quale i fenomeni mentali sono prodotti da processi fisici nel cervello o entrambi sono effetti di una causa comune, in contrapposizione alla visione per cui i fenomeni mentali guidano i meccanismi fisici del cervello. L'impressione che i pensieri, i sentimenti o le sensazioni siano causa di effetti fisici è dunque da considerarsi, in una certa misura, illusoria. Ad esempio, non è la sensazione di paura a produrre un aumento del battito cardiaco, ma entrambi sono sintomatici di una comune origine fisiologica, probabilmente in risposta a una legittima minaccia esterna.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sven Walter, Epiphenomenalism in Internet Encyclopedia of Philosophy. URL consultato il 1º giugno 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Filosofia Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Filosofia