Enzo Moser

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enzo Moser
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Ritirato 1967
Carriera
Squadre di club
1962-1963 San Pellegrino San Pellegrino
1964 Lygie Lygie
1965 Maino
1966-1967 Vittadello Vittadello
Carriera da allenatore
1970-1972 G.B.C. G.B.C.
1973 Filotex Filotex
1984-1985 Gis Gelati Gis Gelati
1986-1987 Supermerc. Brianzoli Supermerc. Brianzoli
1988 Chateau d'Ax Chateau d'Ax
1992 Italbonifica Italbonifica
1993 Navigare Navigare
 

Enzo Moser (Palù di Giovo, 5 novembre 1940Giovo, 25 luglio 2008) è stato un ciclista su strada e dirigente sportivo italiano. Professionista dal 1962 al 1967, conta una sola vittoria da prof, il Giro del Trentino.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Dopo una promettente carriera dilettantistica, divenne corridore ciclista professionista nel 1962, vincendo nello stesso anno la prima edizione del Giro del Trentino, allora disputato come corsa in linea. Nel Giro d'Italia 1964 indossò anche la maglia rosa per due tappe, la terza e la quarta, cedendola quindi a Jacques Anquetil, poi vincitore.

Dopo essersi ritirato dal professionismo nel 1967, divenne direttore sportivo di diverse società ciclistiche e costruttore di biciclette. Morì a 67 anni travolto dal trattore che stava guidando nell'azienda agricola di famiglia.[1] Era fratello dei più noti corridori ciclisti Aldo e Francesco.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Trofeo Alcide De Gasperi
Giro del Trentino

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi Giri[modifica | modifica sorgente]

1963: 22º
1964: 22º
1965: 27º

Classiche monumento[modifica | modifica sorgente]

1962: 73º
1964: 66º
1965: 41º

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Muore Enzo Moser, Maglia rosa al Giro del 1964 in La Gazzetta dello Sport, 25 luglio 2008. URL consultato il 7-6-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]