El Cuarteto de Nos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
El Cuarteto de Nos
Fotografia di El Cuarteto de Nos
Paese d'origine Uruguay Uruguay
Genere Rock
Alternative rock
Periodo di attività 1980in attività
Etichetta  ???
Manzana Verde
BMG Uruguay
EMI Spain
Album pubblicati 11
Studio 11
Sito web

El Cuarteto de Nos è un gruppo alternative rock che nasce nel 1980 a Montevideo, Uruguay.

Biografìa[modifica | modifica sorgente]

Le origini[modifica | modifica sorgente]

Nel 1980 i fratelli Ricardo e Roberto Musso e Santiago Tavella iniziano a comporre le loro prime canzoni con testo. Con loro compariva come invitato Leonardo Baroncini alla batteria.

Il primo disco[modifica | modifica sorgente]

Nel 1984 registrano il loro primo disco con Àlvaro Pintos alla batteria. Da allora la loro formazione non subì modifiche con Ricardo Musso chitarra e voce, Roberto Musso chitarra e voce, Santiavo Tavella basso e voce, Alvaro Pintos batteria e voce. Dalla metà degli ottanta la loro originalità li rende noti fra i fan del rock uruguayo.

Seconda metà anni '80[modifica | modifica sorgente]

Nel 1986 registrano il loro primo LP da artisti unici, "Soy una Arveja" (Sono un pisello), nel quale sono presenti grandi successi molto richiesti nelle loro esibizioni dal vivo. L'anno successivo iniziano le registrazioni del loro terzo disco "Emilio García". Nel 1989 percorrono in tour tutto il Paese.

Anni '90[modifica | modifica sorgente]

Dopo altri quattro dischi, nel 1998 la BMG Uruguay esterna il suo interesse per il gruppo col quale firma un contratto. Nello stesso anno uscirà il loro ottavo disco, "Revista Esta".

Anni 2000[modifica | modifica sorgente]

Tre sono gli album usciti fino ad oggi in questo periodo, "Cortamambo", "El Cuarteto de Nos" e "Raro". L'ultimo in particolare è ritenuto il loro capolavoro definitivo[senza fonte] (pubblicato dalla sezione spagnola della casa discografica EMI)

Membri[modifica | modifica sorgente]

Discografìa[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]