Ecofagia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Il termine ecofagia coniato da Robert Freitas significa letteralmente "divoramento dell'ecosistema", dal greco οἶκος (o tardo latino oeco-), "casa, domestico" e φᾰγεῖν "mangiare".

Freitas usava il termine per descrivere uno scenario implicante una nanotecnologia molecolare andata storta. In questa situazione (chiamata grey goo) i nanorobot autoreplicanti e fuori controllo consumano interi ecosistemi, provocando un'ecofagia globale. Tuttavia, la parola "ecofagia" è adesso applicata più generalmente in riferimento a ogni guerra o evento nucleare, all'espansione di monoculture, alle estinzioni in massa di specie — che possono alterare in modo irreversibile l'intero pianeta. Gli studiosi pensano che questi eventi possano provocare un ecocidio in quanto pregiudicherebbero la capacità della popolazione biologica della Terra di auto-ripararsi. Altri suggeriscono che eventi più banali e meno spettacolari — come l'inarrestabile crescita della popolazione umana, la continua trasformazione del mondo naturale da parte dell'uomo — farà sì che il pianeta diventi molto meno esuberante e in sostanza, a parte l'uomo, senza vita. Freitas, nel saggio in cui conia il termine ecofagia, scrive:[1]

« Forse il pericolo meglio noto e per prima riconosciuto che scaturisce dalla nanotecnologia molecolare è il rischio che i nanorobot autoreplicanti siano in grado di funzionare autonomamente nell'ambiente naturale sì da poter rapidamente convertire per es. la "biomassa" per auto-replicarsi in "nanomasse" a livello globale, uno scenario solitamente indicato come "grey goo", ma forse si potrebbe più propriamente definire "ecofagia globale". »

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Robert Freitas, (2000) Some Limits to Global Ecophagy by Biovorous Nanoreplicators, with Public Policy Recommendations

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Philip Ball, The Robot Within, New Scientist, 15 March 2003.)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Catastrofi Portale Catastrofi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Catastrofi