Derinkuyu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Derinkuyu
distretto
Localizzazione
Stato Turchia Turchia
Regione Cappadocia
Provincia Nevşehir
Amministrazione
Vicegovernatore Ahmet Balcı
Territorio
Coordinate 38°22′N 34°44′E / 38.366667°N 34.733333°E38.366667; 34.733333 (Derinkuyu)Coordinate: 38°22′N 34°44′E / 38.366667°N 34.733333°E38.366667; 34.733333 (Derinkuyu)
Altitudine 1.300 m s.l.m.
Abitanti 11 092 (31-12-2000)
Altre informazioni
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Turchia
Derinkuyu

Derinkuyu è una città e distretto dell'Anatolia Centrale (o Cappadocia), in Turchia. La città si trova nella provincia di Nevşehir, lungo la strada che congiunge le località di Nevşehir e Niğd.

Al censimento del 2000, il distretto contava 24.631 abitanti, dei quali 11.092 vivevano nella città di Derinkuyu.[1][2]

Il distretto ha una superficie di 445 kmq e un'altitudine media di 1.300 metri. Il punto più alto è raggiunto dal monte Ertaş, con i suoi 1.988 metri.

La principale attrazione turistica della città di Derinkuyu è l'omonima città sotterranea. Sono circa 200 le città sotterranee ad almeno due livelli che sono state scoperte nell'area che si estende fra Kayseri e Nevşehir, e circa 40 di esse hanno almeno 3 livelli di profondità. Le città trogloditiche di Derinkuyu e Kaymaklı sono due fra le meglio conservate. La città sotterranea è stata aperta ai visitatori nel 1969 e degli otto piani di cui è composta, ne sono accessibili per i turisti solamente quattro. La profondità massima è stimata intorno agli 85 metri.


Storia[modifica | modifica wikitesto]

La più antica fonte scritta riguardante le città sotterranee è Senofonte. Nella sua Anabasi, egli scrive che la gente che viveva in Anatolia aveva scavato città sotterranee per viverci con le famiglie, i suoi animali domestici e le vettovaglie necessarie alla sopravvivenza.[3] La prima costruzione risale al VII-VIII secolo, ampliatasi poi in età bizantina.

La città era probabilmente chiusa da grandi porte di pietra. Derinkuyu è la più grande città sotterranea della Turchia, più vasta quindi della vicina Kaimaklı. Il complesso ha un 11 livelli, sebbene molti piani non siano ancora stati scavati. Ha un'area di 650 metri quadrati e ogni piano esistente potrebbe essere stato creato in momenti differenti. La città era connessa con altre città sotterranee, attraverso miglia di lunghi tunnel. La città poteva ospitare da 3.000 a 50.000 persone.

La città sotterranea di Derinkuyu fu un luogo in cui si nascosero i primi cristiani che sfuggivano le persecuzioni religiose decretate da Costantinopoli e le incursioni degli Arabi musulmani.

Come le altre città sotterranee della Cappadocia, anche Derinkuyu aveva un certo numero di locali atti a fungere da deposito di alimenti, da cucine, chiese, stalle, stanze per la preparazione del vino e dell'olio e da camini di ventilazione.

La città sotterranea di Derinkuyu si estende per una profondità di 85 metri.

Scalinata all'interno della città sotterranea di Derinkuyu

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (TR) Turkish Statistical Institute, Census 2000, Key statistics for urban areas of Turkey (XLS). URL consultato il 14 aprile 2008.
  2. ^ (EN) GeoHive, Statistical information on Turkey's administrative units. URL consultato il 14 aprile 2008.
  3. ^ Senofonte, Anabasi, 4.5.24-7.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Turchia Portale Turchia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Turchia