Credito sociale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Troppo capitalismo non significa troppi capitalisti, ma troppo pochi capitalisti[1] »

Il credito sociale è un sistema finanziario socio-economico in cui i consumatori, appositamente forniti di un adeguato potere d'acquisto tramite prestito minimo garantito, e un controllo democratico tramite prestazioni di emissione di titoli di credito (scontrini fiscali e/o fatture, buoni servizio, certificati d'investimento); stabiliscono la politica di produzione attraverso il loro esercizio delle competenze di spesa monetaria (spesa pubblica + spesa privata). Lo scopo è istituire nella divisione dei poteri statuali democratici anche il potere monetario come equilibrio dialettico tra produzione e consumo al pari della funzione che ha il potere giudiziario nell'equilibrio tra i delitti e le pene. Il credito sociale prevede una "democrazia" dei produttori, volta a governare una "antropocrazia" dei consumatori.[2] Il termine credito sociale, come nome formale, nasce dagli scritti dell'ingegnere britannico Clifford Hugh Douglas (1879-1952), che vi scrisse un libro nel 1924. Secondo Douglas, il vero scopo della produzione è il consumo e la produzione deve servire il vero scopo, liberamente espressa agli interessi dei consumatori. Ogni cittadino è un beneficiario, non diretto, del capitale comunitario conferitogli dal completo e dinamico accesso ai frutti dell'industria nazionale assicurato dalla distribuzione erariale dei dividendi da signoraggio monetario e dalla compensazione tributaria delle prestazioni erogate (già politicamente in nuce presente per l'Italia con l'azionariato dell'INPS in Banca d'Italia).[3] Posto che una democrazia progredita prevede che l'unico luogo sicuro per il potere è in molte mani, il credito sociale è una filosofia di distribuzione, con il fine politico di rappresentare il potere di autodeterminazione dei singoli individui. La filosofia sociale di credito è meglio sintetizzata da Douglas quando afferma, "I sistemi sono stati creati dagli uomini per gli uomini e non per i sistemi, l'interesse di un uomo è al di sopra di tutti i sistemi, siano essi di tipo teologico, politico o economico". Essi sostengono che in futuro il lavoro salariato sarà visto così come oggi viene visto lo schiavismo.[4]

Teoria economica[modifica | modifica sorgente]

Douglas è in disaccordo con gli economisti classici, come Adam Smith e David Ricardo, che dividono i fattori di produzione in terra, lavoro e capitali. Egli è anche in disaccordo con Karl Marx, che sostiene che il lavoro crei tutte le ricchezze. Douglas crede che il principale fattore di produzione sia il "patrimonio culturale della società". Il nostro patrimonio culturale è definito come le conoscenze, tecniche e dei processi che sono state tramandate fino a noi e via via incrementate fin dalle origini della civiltà. Di conseguenza, non dobbiamo "reinventare la ruota". "Siamo solo gli amministratori di quel patrimonio culturale, e in tal senso il patrimonio culturale è la proprietà di tutti noi, senza eccezione."[5] Douglas ha anche criticato l'economia classica perché basata su una specie di economia di baratto, che con la moderna economia monetaria è un tutt'uno.

La natura della moneta e del credito[modifica | modifica sorgente]

Per gli economisti classici, come anche per Douglas, il denaro era un mezzo di scambio speculare (e quindi tendenzialmente alternativo) al baratto. Questo poteva avere un senso quando la maggior parte della ricchezza veniva prodotta da singoli individui che in seguito scambiavano i loro beni con altri soggetti, in un'economia orizzontale retta da istituzioni autocratiche che provvedevano all'accumulazione capitalistica pianificata e centralizzata. Ma nelle società democratiche moderne, il rapporto capitale-lavoro si divide in più processi non riducibili a fini speculativi ad un mero baratto tra valore e proprietà di un bene o di un servizio come è accaduto nelle società arcaiche. Ad esempio, un lavoratore del comparto automobilistico non produce ricchezza (vale a dire, l'automobile) da solo, bensì in combinato con altri soggetti: i produttori di strade, i petrolieri, gli assicuratori, ecc.

In questa prospettiva, la ricchezza è un bene comunitario disponibile alle persone che possono attingervi, e l'efficienza acquisita dai singoli individui che hanno collaborato nel processo produttivo è noto come "merito di credito negativo associato" un tipo di accumulazione capitalistica decentrata e storica che costituisce ciò che Douglas chiama "beni culturali". Il significato concreto di questo aggregato sono i titoli di debito distribuiti dal sistema bancario (un modello incontrastato restano ancora le fondazioni italiane di origine bancaria).

Inizialmente il denaro proveniva dal sistema produttivo, quando i propietari di bestiame crearono dischi di cuoio punzonati che rappresentavano un capo di animale. Questi dischi avrebbero potuto poi essere scambiati con grano e mais, i cui produttori a loro volta avrebbero potuto restituire i dischi in cambio di un capo di bestiame in una data successiva. La parola "pecunia" deriva infatti dal latino "pecus", che significa "bestiame".[6] Oggi invece, il sistema produttivo e della distribuzione e il sistema monetario sono due entità separate. Douglas ha dimostrato che i prestiti creano depositi, e ne ha presentato la prova matematica nel suo libro "credito sociale".[7] La Banca di credito sociale comprende la stragrande maggioranza di denaro, e viene creato ogni volta che una banca fa un prestito.[8] Douglas è stato anche uno dei primi a capire la natura creditizia del denaro. La parola "credito" deriva dal verbo latino "credere". "La qualità essenziale del denaro, quindi, è che un uomo deve ritenere che possa ottenere ciò che vuole con l'aiuto di esso."[9]

Il denaro non deve essere considerato come uno standard, una misura, un valore quanto piuttosto un mezzo di distribuzione della produzione.[10] "Ci sono due parti a questa domanda di un biglietto che rappresentano qualcosa che possiamo chiamare, se ci piace, un valore. Non vi è biglietto stesso - il denaro che costituisce ciò che noi chiamiamo 'domanda effettiva' - e non vi è qualcosa che chiamiamo prezzo di fronte ad essa. Ho provato a mangiare il denaro, ma non era buono."[11] Il denaro è una domanda effettiva, e le modalità di recupero per il denaro sono i prezzi e le tasse. Come il capitale reale sostituisce il lavoro nel processo di modernizzazione, così il denaro dovrebbe diventare sempre più uno strumento di distribuzione quale era in origine.

Il problema della produzione, o scarsità, sono già stati risolti. Il nuovo problema è sulla distribuzione. Douglas ha perciò criticato il sistema bancario da due punti di vista:

  1. Per essere una forma di governo che ha centralizzato il proprio potere per secoli, e
  2. Per rivendicare la proprietà dei soldi che creano.

Douglas sostiene che il secondo equivale a detenere la proprietà della nazione.[12] Il denaro è solo una rappresentazione del reale credito della comunità, che è la capacità della comunità di fornire beni e servizi quando e dove sono necessari.

Il teorema A + B[modifica | modifica sorgente]

Nel gennaio 1919, Un punto di vista pragmatico di visione dell'economia di C.H. Douglas fu il primo articolo a comparire in New Age, a cura di Alfred Richard Orage, criticando i metodi con cui l'attività economica viene in genere misurata:

"Il fine di questo breve articolo non è svalutare il lavoro degli amministratori; infatti, in base alle attuali condizioni probabilmente nessun gruppo umano ha fatto di più per cristallizzare i dati su cui si basa l'attività di tutto il mondo; ma la totale confusione di pensiero che è indubbiamente derivata dalla tranquilla affermazione del contabile e dell'amministratore che lui e solo lui era in grado di assegnare valori positivi o negativi alle quantità rappresentate dalle sue cifre è una delle arretrate curiosità del sistema industriale; e il tentativo di modellare le attività di un grande impero su tale base è sicuramente la condanna di un metodo esaurito."[13]

Nel 1920 presentò il teorema A + B nel suo libro, Il potere di credito e la democrazia, criticando la metodologia contabile pertinente ai redditi e ai prezzi. Nella quarta edizione australiana del 1933 Douglas recita:

"Una fabbrica o altra organizzazione produttiva ha, oltre la sua funzione economica in qualità di produttore di merci, un aspetto finanziario - può essere considerata da un lato come un dispositivo per la distribuzione di potere d'acquisto per le persone attraverso i salari, stipendi e dividendi, e dall'altro lato come una manifattura dei prezzi - valori finanziari. Da questo punto di vista, i suoi pagamenti possono essere suddivisi in due gruppi:
Gruppo A -tutti i pagamenti effettuati a privati (salari, stipendi e dividendi).
Gruppo B -Tutti i pagamenti effettuati a favore di altre organizzazioni (materie prime, le spese bancarie, e di altri costi esterni).
Ora la percentuale di flusso di potere d'acquisto ai singoli individui è rappresentata da A, ma dal momento che tutti i pagamenti sono in prezzi, il tasso di flusso dei prezzi non può essere inferiore a A + B. Il prodotto di ogni fabbrica può essere considerato come qualcosa di cui il pubblico dovrebbe essere in grado di acquistare, anche se in molti casi è un prodotto intermedio di nessuna utilità per i singoli ma solo per una successiva produzione; ma dal momento che non acquista A + B, una percentuale del prodotto almeno equivalente a B deve essere distribuito da una forma di potere d'acquisto che non è compresa nella descrizione raggruppate in A. Sarà necessario in una fase successiva a dimostrare che questa ulteriore potere d'acquisto è fornito da prestito di credito (conti correnti attivi) o di credito all'esportazione.[14]

Al di là dell'evidenza empirica, Douglas adotta questo teorema deduttivo dimostrando che il totale dei prezzi aumenta più velocemente del reddito totale, considerato come flusso monetario.

Prezzo compensato e dividendo nazionale[modifica | modifica sorgente]

Douglas propose di eliminare il problema del differenziale tra potere d'acquisto dei consumatori e prezzi con un aumento del potere d'acquisto sotto forma di una riduzione dei prezzi e un dividendo. Chiamandoli "Prezzo Compensato" e "Dividendo Nazionale (del Consumatore)", ed affidando ad un Ufficio nazionale di credito il compito di calcolare l'entità degli sconti e del dividendo basandosi sullo stato patrimoniale nazionale, e calcolando i dati statistici di produzione e consumo aggregato.

Il tasso di sconti si basa sulla constatazione che il reale costo di produzione è il tasso medio di consumo sopra il tasso medio di produzione per un periodo equivalente di tempo.

Reali\ Costi(Produzione) = M* \cfrac{\int_{T1}^{T2}dC/dt\, dt}{\int_{T1}^{T2}dP/dt\, dt}
con M = Denaro distribuito per un determinato programma di produzione, C = consumo, P = produzione

Il costo fisico della produzione è qualcosa di materiale e capitale che sono stati consumati nella sua produzione, più che la quantità di beni di consumo del lavoro consumato durante la sua produzione. Questo consumo totale rappresenta il costo fisico del processo di produzione. Dal momento che sono minori i fattori produttivi consumati per produrre un'unità di produzione di ogni processo di miglioramento, il reale costo di produzione rientra nel tempo. Di conseguenza, anche i prezzi dovrebbero diminuire con la progressione del tempo.

Basandosi sulla sua conclusione che il reale costo di produzione è inferiore al prezzo distribuito in produzione, il prezzo-compensazione deriva dal rapporto tra il consumo alla produzione. Dal momento che il consumo di un periodo di tempo è in genere meno di produzione nello stesso periodo di tempo in ogni società industriale, il costo reale delle merci deve essere inferiore al costo finanziario.

Per esempio, se il prezzo di costo di un bene è di euro 100, e il rapporto di consumo di produzione è 3/4, quindi il costo reale del bene è di euro 100 (3/4) = euro 75. Di conseguenza, se un consumatore spende 100 euro per un bene, l'Autorità Nazionale di credito rifonde 25 euro. Il bene al consumatore costa 75 euro, il rivenditore riceve 100 euro, e il consumatore riceve la differenza di euro 25 tramite nuovi crediti creati dalla Autorità nazionale di credito.

Il Dividendo Nazionale è giustificato dalla spostamento di forza lavoro nel processo produttivo tecnologico a causa di aumenti di produttività. Venendo il lavoro umano sempre più sostituito da macchine nel processo produttivo, Douglas credeva che le persone avrebbero potuto essere libere di consumare e contemporaneamente godere sempre maggiore quantità di tempo libero, e che il Dividendo avrebbe potuto fornire questa libertà economica.

Inoltre, la sostituzione del lavoro da parte del capitale nel processo produttivo implica che le spese generali (B) aumentano in relazione al reddito (A), perché "'B' è la rappresentazione finanziaria della leva di capitale"[15]. In questi termini, qualsiasi tentativo di stabilizzare o aumentare il reddito va di pari passo con l'aumento dei prezzi. Se "A" è costante o in aumento, e "B" aumenta a causa di progresso tecnologico, allora "A + B" (prezzi) deve anche aumentare. Come la Curva di Phillips suggerisce, l'inflazione e la disoccupazione sono eliminati spontaneamente, a meno che i prezzi vengano ridotti da fondi provenienti dal di fuori del sistema produttivo.

Nel suo opuscolo dal titolo, la nuova e la vecchia economia, Douglas descrive la causa della pendenza di "B":

"Credo che un po 'di considerazione renderà evidente che in questo senso in generale è di qualsiasi tassa per i quali il reale potere d'acquisto distribuiti non esistono ancora, e che questo significa praticamente qualsiasi tassa creata su un ulteriore distanza in passato al massimo il periodo di ciclica tassa di circolazione della moneta. Non vi è alcuna differenza fondamentale tra strumenti e prodotti intermedi, e quest'ultima può, pertanto, essere compresa."[16]

Douglas ha stimato che il tasso ciclico di circolazione della moneta è di circa tre settimane. Il tasso ciclico di circolazione della moneta misura la quantità di tempo necessario per un prestito di passare attraverso il sistema produttivo e tornare alla banca. Questo può essere calcolato determinando l'importo di compensazione tramite la banca in un anno diviso per la quantità media di depositi detenuti presso le banche (che varia molto poco). Il risultato è il numero di volte in denaro deve fatturato al fine di produrre queste cifre. In una testimonianza dinanzi al Comitato agricolo di Alberta nel 1934, Douglas, ha dichiarato:

"Ora sappiamo che c'è un numero sempre crescente di oneri che proveniva da un periodo molto anteriore a tre settimane, e incluso in questi oneri, di fatto, sono la maggior parte delle accuse fatte in materia di acquisti da un'organizzazione a un'altra, ma tutti gli oneri di capitale (per esempio, su una linea ferroviaria che è stata costruita un anno, due anni, tre anni, cinque o dieci anni fa, in cui le tasse sono ancora esistenti), non può essere liquidata da un flusso di potere d'acquisto che non aumento di volume e che dispone di un periodo di tre settimane. La conseguenza è, avere un accumulo del debito, in molti casi, una diminuzione del potere d'acquisto equivalente al prezzo dei beni in vendita."[17]

Secondo Douglas, le principali conseguenze del problema è l'aumento esponenziale del debito. Inoltre, la società è costretta a produrre beni che i consumatori o non vogliono o non possono permettersi di acquistare. Quest'ultima rappresenta una favorevole bilancia commerciale, vale a dire un paese esporta di più di quello che importa. L'ex capitale rappresenta eccessiva produzione e/o destinazione del surplus ad attività superflue tipo spese militari. Ma non ogni paese è in grado di perseguire questo obiettivo, allo stesso tempo, come un paese deve importare più di quello che le esporta quando un altro paese esporta di più di quello che importa. A lungo termine le conseguenze di questa politica è una guerra commerciale, a volte conseguenza di una guerra reale - quindi, il monito di credito sociale, "Colui che chiede la piena occupazione-chiede bandi di guerra!", espresso dal Gruppo di credito sociale di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, guidati da John Hargrave. Eccessiva produzione di capitale è solo una temporanea correzione, dato che il costo del capitale di solito appare nel costo dei beni di consumo o tasse, aggravando ulteriormente il futuro divario tra reddito e prezzi. L' apparato militare richiede l'accumulo o l'uso di armi o di un accumulo superfluo di esse.

Critica del teorema A + B e repliche[modifica | modifica sorgente]

I critici del teorema sostengono non vi è alcuna differenza tra A e B, i risultati sociali e politici di credito sono spinte inflazionistiche. Queste critiche sono basate sulla teoria della quantità di denaro, la quale prevede che la quantità di denaro moltiplicato per la sua velocità di circolazione totale è pari potere d'acquisto. Douglas ed i movimenti favorevoli al credito sociale negano la validità di questa teoria e la indicano causata da perversioni dell'economia causate dal sistema capitalista. Segue una breve spiegazione della teoria quantitativa del denaro:

MV = PQ, dove
M = quantità di denaro nelle mani del pubblico,
P = livello medio dei prezzi, e
Q = quantità di prodotto (che è reale prodotto nazionale o reale del reddito nazionale).
Così,
PQ = prodotto nazionale, misurato in valore nominale (in euro), e
V = velocità di denaro.
Questo è il numero medio di volte che il denaro immagazzinato (M) viene speso per acquistare il prodotto finale nel corso di un anno. In particolare, V è definita come uguale a PQ/M
Supponiamo che il denaro è di 20 miliardi di euro. Suppongo che, nel corso di un anno, la media: dollaro fattura e la media monetaria in deposito sono dodici volte speso per l'acquisto di beni finali e servizi. In altre parole, V è 12. Quindi, la spesa totale per il prodotto finale è di euro 20 miliardi di volte 12, o euro 240 miliardi. A sua volta, questa spesa totale (MV) è pari alla quantità totale di merci e servizi (Q) volte il prezzo medio (P) a cui sono stati venduti.
Ma come può lo stesso euro essere utilizzato più e più volte per l'acquisto di beni finali? Molto semplicemente. Quando acquisti alimentari in negozio, gli euro 50 pagato non scompaiono. Piuttosto, vanno in registratore di cassa. Da lì, viene utilizzato per pagare l'agricoltore per ortaggi e legumi freschi, la fabbrica di conserve in scatola per merci, o il salario del dipendente. L'agricoltore o il cancelliere o il dipendente della fabbrica di conserve a sua volta utilizzare i fondi per l'acquisto di merci. Ancora una volta, lo stesso denaro venga utilizzato per l'acquisto definitivo. Lo stesso euro fatturato può circolare intorno".[18]

L'errore in merito a questa teoria è stata dimostrato in una relazione di commissione per il governo dell'Alberta: "La fallacia nella teoria risiede nel presupposto errato che il denaro 'circola', che è rilasciato contro la produzione, e ritirato come potere d'acquisto delle merci acquistate per il consumo."[19]

Tutti i soldi sono creati come un debito che deve essere rimborsato, di conseguenza, il denaro non circola, ma invece opera in un ciclo di contabilità. Se un rivenditore riceve denaro da un cliente per il suo prodotto, l'importo totale di questo denaro non è né utile, né reddito. Un rivenditore ha a rimborsare i debiti, o che devono sostituire il capitale di esercizio. Tali somme sono sottratte dai ricavi al momento di determinare i profitti. Né è il profitto interamente reddito, come le tasse devono essere pagate, e una parte può essere reinvestito.

In questo punto di vista, solo una piccola percentuale del denaro ricevuto da parte dei rivenditori effettivamente distribuisce come reddito che possono poi essere spesi per prodotti o servizi. Il resto è o utilizzato per rimborsare i debiti, sostituire capitale di funzionamento, o re-investito nella società. La fallacia è credere che lo stesso euro in grado di "circolare intorno". Ogni prestito crea un deposito, e ogni rimborso di un prestito distrugge un deposito.[20] In quanto tale, il denaro non "circola intorno", ma viene creato e distrutto attraverso la creazione di prestiti e il loro rimborso. Denaro è un flusso unidirezionale, sia esso per la creazione di costi, o di annullamento. Se il denaro viene creato in modo tale che esso annulla i costi (cioè il prezzo sociale di credito sconto), quindi un aumento della massa monetaria è in grado di ridurre i prezzi per i consumatori. Ma considerando i soldi spesi a fondo perduto questo si compensa, ed eliminando la tassazione diretta progressiva i conti pareggiano determinando automaticamente una stasi perpetua di denaro in circolo.[21]

Altri critici sostengono che, se il divario tra reddito e prezzi esiste come ha affermato Douglas, l'economia sarebbe crollata in breve tempo. Essi sostengono anche che vi sono periodi di tempo in cui il potere d'acquisto è superiore al prezzo dei beni di consumo in vendita.

Douglas ha risposto a tali critiche nella sua testimonianza davanti al Comitato agricolo di Alberta:

"Ciò che questa gente dimentica è che sono stati accumulati debiti in quel momento, al tasso di dieci milioni di sterline al giorno e se si può dimostrare, e può essere dimostrato, che vi è un continuo crescente debito di normale funzionamento del sistema bancario e il sistema finanziario, in questo momento, che poi è la prova che non è la distribuzione di potere d'acquisto sufficiente per acquistare le merci in vendita in quel momento, altrimenti non dovremmo aumentare il debito, e che è la situazione reale."[17]

I redditi sono pagati ai lavoratori nel corso di una fase multipla del programma di produzione. Secondo le convenzioni che regolano le norme in materia di contabilità, tali redditi sono parte del costo finanziario e il prezzo del prodotto finale. Per il prodotto da acquistare con il reddito guadagnato per la sua fabbricazione, tutti i redditi di questi dovrebbe essere salvati fino a quando il completamento del prodotto. Nel mondo reale, i redditi percepiti sono tipicamente passato spesi per la produzione per soddisfare le esigenze attuali della vita, e non saranno disponibili per l'acquisto di beni a termine nel futuro - le merci che deve contenere la somma dei redditi erogati durante il loro periodo di fabbricazione nel prezzo. Ciò non può liquidare il costo finanziario di produzione, in quanto passa solo le spese di un periodo contabile in quanto gravano sui periodi successivi. In altre parole, la fornitura non crea a sufficienza la domanda di liquidare tutti i costi di produzione: I sostenitori del credito sociale negano la validità di queste leggi economiche.

La teoria politica[modifica | modifica sorgente]

C.H. Douglas ha definito la democrazia come la "volontà popolare", e non la regola di maggioranza,[22] suggerendo che il credito sociale potrebbe essere attuato da qualsiasi partito politico supportato da efficaci risultati elettorali. Una volta attuato per raggiungere una reale integrazione dei mezzi e fini, la politica del partito potrebbe cessare di esistere. Tradizionalmente la democrazia è incompatibile con il Credito sociale, che si assume il diritto delle persone di scegliere liberamente una cosa alla volta, a contratto e di associazioni sindacali. Douglas sostenuto ciò che ha chiamato il "voto responsabile", dove l'anonimato nel processo di voto non dovrebbe più esistere. "Il singolo elettore deve essere individualmente responsabile, non collettivamente passivo, per il suo voto." Alla fine del ciclo scolastico, alla persona che entra nel mondo del lavoro viene offerto dalle banche convenzionate allo scopo con lo Stato, un credito sociale col quale la persona potrà avviare oppure rilevare un'attività o una quota in una società da un pensionando. Tale credito potrà essere restituito nel corso della vita venendo in pratica a sostituire il pagamento delle tasse (abolite e sostituite dal sistema "credito sociale-assicurativo"). Alla fine della vita lavorativa questa persona cederà la sua attività o quota a un nuovo entrato nel mondo del lavoro, ricevendo un pagamento, da utilizzarsi come fondo pensione[23].

Douglas considerò la costituzione di un organismo, non un'organizzazione.[24]. In questa visione, che istituisce la supremazia del diritto comune è essenziale per garantire la protezione dei diritti individuali da un onnipotente parlamento schiavo dei partiti politici. Douglas conscio che l'efficacia del governo britannico è strutturalmente determinato mediante l'applicazione di un concetto cristiano noto come Trinitarianismo: "In una qualche forma o di altri, la sovranità nelle Isole britanniche per gli ultimi due millenni è stato trinitaria. Se guardiamo a questo Trinitarianismo sotto il nome del re, e Lord comuni o come la politica, le sanzioni e amministrazione, la Trinità in unità esiste, e il nostro successo nazionale è stato più grande, quando l'equilibrio (imperfetto) è stato affrontato".[25]

Contro la formazione di un partito di credito sociale, C.H. Douglas conscio che un gruppo di dilettanti eletti non avrebbe mai diretto un gruppo di esperti competenti in questioni tecniche.[26] Mentre gli esperti sono in ultima analisi, responsabile per il conseguimento di risultati, l'obiettivo dei politici dovrebbe essere quello di premere tali esperti per fornire risultati di politica voluta dal popolo. Secondo Douglas, "il corretto funzionamento del Parlamento è di costringere tutte le attività di carattere pubblico a essere esercitate in modo che le persone che comprendono il pubblico può trarre il massimo beneficio. Una volta che l'idea è colto, la penale assurdità del sistema diventa evidente."[27]

Storia del credito sociale[modifica | modifica sorgente]

C.H. Douglas è stato un ingegnere civile che esercitava la propria istruzione superiore all'Università di Cambridge. Suoi primi scritti apparsi più in particolare nel giornale britannico intellettuale Il New Age. L'editore della pubblicazione, Alfred Richard Orage, dedicato Il New Age e poi The New English Weekly per la promulgazione delle idee di Douglas fino alla sua morte, alla vigilia del suo discorso alla BBC sul credito sociale, il 5 novembre 1934, in La povertà in abbondante.

Il primo libro di Douglas, democrazia economica, è stato pubblicato nel 1920, poco dopo il suo articolo La delusione di Super-Produzione apparso nel 1918 in lingua inglese modificata. Tra le altre Douglas primi lavori sono stati Il controllo e la distribuzione della produzione, Il potere di credito e la democrazia e La democrazia guardinga e il monopolio di credito. Di notevole interesse è la prova che ha presentato alla Camera dei Comuni del Canada sul settore bancario e Commercio nel 1923, il parlamento britannico .org/douglas-c-h_exchange-with-keynes-1930.html Macmillan commissione per la Finanza e Industria nel 1930, che comprendeva scambi con economista John Maynard Keynes, e dell'accordo agricolo del Comitato dell'Assemblea legislativa di Alberta nel 1934 durante il periodo degli Uniti agricoltori di Alberta governo in quel province e territori del Canada.

Gli scritti di C.H. Douglas hanno avuto circolazione in tutto il mondo, la maggior parte di rilievo nel Commonwealth britannico, con attenzioni in Europa e attività negli Stati Uniti dove Orage, durante la sua permanenza lì, promosse le idee di Douglas. Negli Stati Uniti, il partito Nuova Democrazia gruppo è stato diretto da lo scrittore americano Gorham Munson che ha dato un grande contribuito al libro sul credito sociale intitolato La lampada di Aladino: La ricchezza del popolo americano. Mentre in Canada e Nuova Zelanda ha avuto successi elettorali con piccoli partiti politici rifacentisi al "credito sociale", l'attività dei movimenti in Inghilterra e Italia è stata particolarmente dedicata alla pressione esistente dalle parti sociali per l'attuazione di credito. Questa funzione è stata effettuata soprattutto da Douglas tramite il Segretariato sociale di credito in Inghilterra e la Lega australiana dei diritti in particolare in Australia. Douglas iscritto e ha continuato a contribuire alla Segreteria riviste, inizialmente di credito sociale e poco dopo La Crediter sociale (che continua ad essere pubblicata dal Segretariato) per il resto della sua vita, concentrandosi maggiormente su politiche e filosofie nei suoi ultimi anni.

Storia politica[modifica | modifica sorgente]

Nei primi anni del movimento, il Partito laburista al governo resse alla pressione dei sindacato contrari all'attuazione del credito sociale, come punto di vista gerarchico, crescita economica e piena occupazione, erano incompatibili con l'abolizione della schiavitù salariale suggerito da Douglas. Nel tentativo di screditare il movimento sociale di credito, un leader laburista avrebbe dichiarato che egli non se ne cura se la teoria di Douglas è tecnicamente corretta o no - ma che semplicemente non gli piace la sua politica!

Nel 1935 il primo rappresentante istituzionale di "credito sociale" è stato eletto in Alberta, Canada, William Aberhart. Un libro da Maurice Colborne dal titolo Il significato sociale del credito, Aberhart convinto che le teorie di C.H. Douglas sono state essenziali per il recupero dalla Grande depressione nell'Alberta. Avendo richiesto precedentemente agli Uniti agricoltori di Alberta il governo provinciale, Douglas divenne un consulente di Aberhart, ma poco dopo si ritirò a causa di differenze strategiche. Aberhart cercò consiglio per ripristinare l'ordine finanziario in Provincia, le tensioni e la corrispondenza tra di esse è stata pubblicata da Douglas nel suo libro, L' esperimento dell'Alberta.[28]

Mentre il Presidente del Consiglio di Alberta avrebbe voluto equilibrare il bilancio provinciale, Douglas ha sostenuto il concetto di "bilancio in pareggio" e quindi è stato in contrasto con i principi di credito sociale. Douglas ha dichiarato che, ai sensi delle vigenti norme di contabilità dei costi finanziari, il bilanciamento tutti i budget in un'economia contemporaneamente è un'impossibilità di aritmetica.[29] In una lettera al Aberhart, Douglas ha dichiarato:

"Questo sembra essere un'adeguata occasione per sottolineare la proposta che il pareggio di bilancio è del tutto incompatibile con l'uso del credito sociale (vale a dire, Credito Reale - la capacità di fornire beni e servizi 'come, dove e quando richiesto') nel mondo moderno, è semplicemente una dichiarazione di principi contabili e cifre che i progressi del paese è fermo, vale a dire, che si consuma esattamente ciò che produce. Il risultato dell'accettazione della proposta è che tutti i capitali si apprezzino, diventa del tutto automaticamente di proprietà di coloro che creano un problema di denaro, vale a dire, il sistema bancario, e il necessario sbilanciamento del bilancio è coperto di debiti."

Douglas mandò altri due esperti di credito sociale come consulenti tecnici provenienti dal Regno Unito, L. Denis Byrne e George F. Powell. Ma tutti i tentativi di superare la legislazione sociale di credito sono stati annullati dalla Corte Suprema del Canada e dal "Consiglio privato" di Londra. Basandosi sulla situazione monetaria nelle teorie di Silvio Gesell, William Aberhart rilasciò una valuta conosciuta come sostituto, "certificato di prosperità". Ma questi testi effettivamente ammortizzati in valore più lungo che si sono svolte,[30] e Douglas ha apertamente criticato l'idea:

"La teoria di Gesell è che il problema con il mondo è stato che le persone di risparmiare in modo che ciò che lei ha dovuto fare è stato di renderli spendere più veloce. La scomparsa del denaro è la più pesante, sotto forma di imposizione fiscale continua mai concepito. La teoria dietro questa idea di Gesell era che ciò che è richiesto è di stimolare il commercio - che avete di mettere le persone davanti l'acquisto di beni - uno scopo perfettamente ideale fintanto che l'obiettivo della vita è solo negoziazione."[31]

Sotto Ernest Manning, che ha sostituito Aberhart dopo la sua prematura scomparsa, il Partito di credito sociale dell'Alberta derogò gradualmente le sue origini e divenne popolarmente identificato come di destra. Nel sottotitolo del giornale scrive una legge per la migliore gestione del credito di Alberta[32], Douglas pubblicò un'analisi critica dei movimenti sociali di credito in Alberta,[33][34] in cui egli ha detto, "L'amministrazione Manning non è più un credito sociale di amministrazione il governo britannico è lavoro". Douglas fu accusato dall'equipaggio lui e i suoi seguaci di antisemitismo, e andò su tutte le furie dei cosiddetti "Douglasisti" dal Partito. Mentre il partito di credito sociale costituito nella Columbia britannica, in Canada, avevano poco in comune con Douglas o le sue teorie. I partiti sociali di credito che ebbero un certo successo elettorale nazionale furono il Partito di credito sociale del Canada e il Partito di credito sociale della Nuova Zelanda, con il sostegno più forte dal Canada occidentale e più in particolare dal Québec.

Filosofia del credito sociale[modifica | modifica sorgente]

Douglas ha descritto il credito sociale come "una applicazione politica di una teoria filosofica", e ha messo in guardia contro la visualizzazione esclusivamente come un sistema per la mera riforma monetaria.[35] Egli ha coniato questa filosofia da "praticante del cristianesimo" - la questione centrale dei quali è la reincarnazione. Douglas credeva che vi fosse un Cannone Biblico che attraversava l'universo e Gesù Cristo fosse l'incarnazione di questo canone. Tuttavia, egli ritiene che anche il cristianesimo è rimasto inefficace fintanto che essa è rimasta trascendentale. Religione, che deriva dal termine latino relegare (per "impegnare indietro"), è stato destinato ad essere vincolante ritornare alla realtà.[36]. Socialmente è preoccupato di credito con l'incarnazione di principi cristiani nel nostro organico affari. In particolare, è interessato ai principi di associazione e di come massimizzare gli incrementi di associazione che rendono di soddisfazione degli individui nella società - mentre minimizzare qualsiasi decrementi di associazione.[37] Il credito sociale eleva l'importanza dei singoli e detiene tutte le istituzioni che esistono per servire i singoli - che lo Stato esiste per servire i suoi cittadini, persone fisiche che non esistono per servire lo Stato.[38]

L'obiettivo del credito sociale è quello di massimizzare un immanente sovranità. Il credito sociale è in consonanza con la dottrina cristiana di salvezza con grazia divina, ed è quindi incompatibile con qualsiasi variante della dottrina della salvezza attraverso le opere. Le opere non devono essere di purezza di intenti o di conseguenza auspicabile e di per sé solo, come "stracci sporchi". Per esempio, l'attuale sistema rende distruttivo, pregno di oscenamente inutili guerre virtuali certezza - che fornisce un sacco di "lavoro" per tutti. Il credito sociale è stato chiamato la terza via oltre Sinistra-Destra.[39]

Anche se Douglas ha definito il credito sociale come una filosofia con radici cristiane, egli non prevedeva una teocrazia. Pratico della società cristiana, è trinitaria nella struttura, basata su una costituzione in cui il contitution è un organismo cambia in relazione alla nostra conoscenza della natura dell'universo.[23] Il credito sociale nella società riconosce il fatto che il rapporto tra l'uomo e Dio è unico.[40] In questa prospettiva, è essenziale per consentire all'uomo la massima libertà al fine di perseguire questo rapporto. Se le persone abbiano la sicurezza economica e il tempo libero realizzabili nel contesto di una dispensa di credito sociale, la maggior parte porrebbe fine al loro servizio a Mammona e usare il proprio tempo libero perseguire spirituale, intellettuale, culturale o obiettivi che portano allo sviluppo personale.[41] Douglas non crede che la religione dovrebbe essere spinta su chiunque attraverso forza di legge o costrizione esterna. Egli ha sottolineato che tutte le politiche deriva dalla sua rispettivi filosofia e che "... La società è in primo luogo metafisica, e deve avere riguardo ai rapporti organici del suo prototipo".[42]

Douglas ha detto che i creditori sociali vogliono costruire una nuova civiltà basata su di assoluta sicurezza economica per i singoli-dove "...che si riunisce ogni uomo singolo sotto la sua vite e nessuno li renderà, abbiate paura".[43][44] In linea con questo obiettivo, Douglas si è opposto a tutte le forme di tassazione dei beni immobili. Questo insieme di credito sociale in contraddizione da terra-la tassazione delle raccomandazioni Henry George.[45]

Douglas contrario a ciò che egli definiva "la piramide del potere". Totalitarismo riflette la piramide e questo è l'antitesi del credito sociale. Si gira il governo in un fine, invece di un mezzo, e dei singoli in un mezzo invece di un fine-Demon est Deus inverso-"il diavolo è Dio a testa in giù." Il credito sociale è stato progettato per fornire ai singoli la libertà massima ammissibile di dato la necessità per l'associazione in termini economici, politici e sociali..[46] "Il progresso della società umana è più misurato dalla misura della sua abilità creativa. intriso di un certo numero di doni naturali, in particolare motivo, la memoria, di comprensione e di libera volontà, l'uomo ha imparato a padroneggiare progressivamente i segreti della natura, e di costruire per sé stesso un mondo in cui risiedono le potenzialità di pace, di sicurezza, libertà e abbondanza."[47] sociale respinge di credito dialettica materialistica filosofia.[42] Douglas filosofia diviso in due scuole di pensiero che egli classificati come la "scuola classica" e la "scuola moderna", che sono ampiamente rappresentate da filosofie di Aristotele e Francis Bacon rispettivamente. Douglas è stato critico nei confronti di entrambe le scuole di pensiero, ma ritiene che "la verità sta nel apprezzamento per il fatto che né il concepimento è utile senza l'altra".[48]

Il credito sociale e l'antisemitismo[modifica | modifica sorgente]

I creditori sociali, e Douglas stesso, sono stati criticati per la diffusione di antisemitismo. Se è vero che è stato Douglas ad essere critico verso l'ebraismo internazionale, in particolare nel suo scritti più recenti, queste critiche sono state basate sulla filosofia ebraica, non sull'Ebreo come persona. Le sue critiche sono state fondate su differenze filosofiche tra la dottrina cristiana della incarnazione e di salvezza attraverso la grazia divina, e le dottrine giudaiche di legalismo e di salvezza attraverso le opere: "E 'ancora molto da dire che una delle idee radicali attraverso il quale il cristianesimo entra in conflitto con le concezioni del Vecchio Testamento e gli ideali di pre-cristiani epoca, è in relazione a questo detronamento di astrattismo." Ma soprattutto in quanto l'economia liberalcapitalista affonda le sue radici in un ideale giudaico di economia, il quale è all'opposto dell'ideale Cristiano che Douglas punta a raggiungere tramite il credito sociale e il distributismo. Per questo motivo i movimenti sociali di quegli anni furono caratterizzati contemporaneamente da antisemitismo e anticapitalismo-anticomunismo e si scontrarono nei due campi opposti durante la seconda guerra mondiale.[49]

Il credito sociale si oppone ad astrazioni filosofiche, come Douglas creduto queste filosofie inevitabilmente ha portato alla elevazione dell'astrazione, come Stato, su singoli individui. Egli ha anche creduto che il pensiero ebraico astratto ha la tendenza a portarli al comunismo, ideali e l'accento del gruppo oltre il singolo individuo. "L'antisemitismo di Douglas, se può essere chiamato l'antisemitismo totale, può essere fantastico, può essere pericoloso, anche se può essere ritorto in una forma terribile, ma non è né vizioso del male".[50]

Nel suo libro,discredito sociale: l'antisemitismo, il credito sociale, e l'ebraica risposta, Janine Stingel sostiene che "Douglas economica e politica della dottrine sono state interconnesse da un anti-semita teoria cospirativa".[51] Il Douglas risponde che la sua teoria A + B si basa su un'analisi dei prezzi e dei redditi e del loro rapporto di contabilità dei costi, non su un "antisemita teoria cospirativa". Mentre alcuni scritti di Douglas portano dichiarazioni sugli ebrei, in particolare per quanto riguarda la falsificazione nota come Protocolli dei Savi di Sion, hanno causato numerosi attacchi contro l'intero movimento, sostiene che dire che le sue opere siano interamente basate su una "teoria cospirativa antisemita" è grossolanamente esagerato nel migliore dei casi. "Va anche osservato che, mentre Douglas è stato critico nei confronti di alcuni aspetti del pensiero ebraico, Douglas non ha cercato di discriminare gli ebrei in quanto tali. Esso non ha mai sostenuto che la ricchezza nazionale sia essere trattenuta da loro."[52]

Gruppi sostenitori del credito sociale[modifica | modifica sorgente]

Australia[modifica | modifica sorgente]

Canada[modifica | modifica sorgente]

Partiti politici federali:

Partiti politici provinciali:

Organizzazioni apolitiche:

Nuova Zelanda[modifica | modifica sorgente]

Isole Salomone[modifica | modifica sorgente]

Regno Unito[modifica | modifica sorgente]

Il credito sociale nella rappresentazione letteraria[modifica | modifica sorgente]

La mancanza di finanziamento è stato un costante impedimento allo sviluppo delle arti e della letteratura, per questo il concetto di democrazia economica attraverso il credito sociale ha avuto un certo favore nei circoli letterari. Nomi associati alla teoria del credito sociale sono Charlie Chaplin, William Carlos Williams, Ezra Pound, T. S. Eliot, Herbert Read, Aldous Huxley, Storm Jameson, Eimar O'Duffy, Sybil Thorndyke, Bonamy Dobrée e l'editore americano James Laughlin. Nel 1933 Eimar O'Duffy pubblicò Asses in Clover, una fantascienza fantasy di esplorazione di temi sociali di credito. La sua economia sociale di credito espressa in questi termini La vita e il Denaro: Essendo un esame critico dei principi e delle prassi di Economia ortodossa con un sistema di pratiche di porre fine alla confusione che ha fatto della nostra civiltà, aveva trovato l'approvazione di Douglas.

Robert A. Heinlein ha descritto un'economia basata sul credito sociale nel suo primo romanzo A noi vivi e meno dettagliatamente in Oltre l'orizzonte. Nella società futura immaginata da Heinlein lo stato non è finanziato dalle tasse, ma controlla la moneta e impedisce l'inflazione fornendo rimborsi per prezzi scontati a imprese e un reddito garantito a tutti i cittadini.

Più di recente, Richard C. Cook, un analista per la Commissione degli Stati Uniti per il Servizio civile, la Food and Drug Administration, la NASA, e il Dipartimento del Tesoro, e autore dei libri Challenger Revealed e Noi sappiamo queste verità, ha scritto diversi articoli in materia di credito sociale e riforma monetaria . ca / Global Research, una ricerca indipendente che riunisce un gruppo di scrittori, studiosi, giornalisti e attivisti.

Frances Hutchinson, presidente dell'associazione Social Credit Secretariat, è co-autore, con Brian Burkitt, di un libro intitolato "L' Economia Politica sociale del Credito e le Corporazioni".[53].

Credito Sociale in film e poesia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altre letture[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ G. K. Chesterton, "The Uses of Diversity", 1921
  2. ^ CH Douglas, Power e la democrazia, Melbourne, Australia, 1933, p. 95.
  3. ^ CH Douglas, Power e la democrazia, Melbourne, Australia, 1933, p. 108.
  4. ^ CH Douglas, democrazia economica, Quinta autorizzato Edition, Epsom, Surrey, in Inghilterra, Bloomfield Libri, 1974, p. 18, ISBN 0-904656-06-3.
  5. ^ Douglas, CH (22 gennaio 1934). "# 1 bis L'Idea monopolistiche" indirizzo presso il Municipio di Melbourne, Australia. Australiana Lega dei diritti: Melbourne. Estratto su febbraio 28 2008.
  6. ^ Fredrick Pollock, La Storia della lingua inglese legge prima del momento di Edoardo I, Lawbook Exchange Ltd, 1996, p. 151.
  7. ^ CH Douglas, Il gruppo di lavoro del sistema di pagamento, Mondo politico. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  8. ^ La Banca in breve: Canada's Money Supply, Banca del Canada. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  9. ^ Engineering, money, and prices in Warning democracy, Australian League of Rights, 22 aprile 1927. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  10. ^ Douglas, CH (13 febbraio 1934). "# 1 bis L'uso di denaro" indirizzo presso il St James' Teatro, Christchurch, Nuova Zelanda. Australiana Lega dei diritti: Melbourne. Estratto su febbraio 28 2008.
  11. ^ Douglas, C.H. (13 febbraio 1934). "# 1 bis L'uso di denaro" indirizzo presso il St James' Teatro, Christchurch, Nuova Zelanda. Australiana Lega dei diritti: Melbourne. Estratto su febbraio 28 2008.
  12. ^ Douglas, CH (24 novembre 1936). "[# 1 bis ALOR - Dictatorship by Taxation dittatura di Fiscalità]" indirizzo a Ulster Hall, Belfast. Australiana: Melbourne. Estratto su febbraio 28 2008.
  13. ^ CH Douglas, Visualizza un meccanico di Economia in Il New Age, 1373, XXIV, nº 9, 38 Cursitor Street, Londra, Il New Age Stampa, 1919, pp. 136. URL consultato il 3/14/2008.
  14. ^ CH Douglas, Power e la democrazia, Melbourne, Australia, 1933 = L'editore di credito sociale Stampa, pp. 22-23.
  15. ^ CH Douglas, Power e la democrazia, Melbourne, Australia, 1933, p. 25.
  16. ^ CH Douglas, I nuovi e i vecchi Economia, ISBN 0-85855-004-0.
  17. ^ a b CH Douglas, Il Sistema di Douglas sociale di credito: Le prove prese dalla commissione agricoltura del Legislativo Alberta, sessione 1934, Edmonton, Assemblea legislativa di Alberta, 1934, pp. 90.
  18. ^ Ake Blomqvist, Paolo Wonnacott, Ronald Wonnacott, Economia canadese Prima Edizione, McGraw - Hill Ryerson, 1983, pp. 247-248, ISBN 007548515X.
  19. ^ Il Alberta ricostruzione post bellica Relazione del Comitato il Sottocommissione per la Finanza. URL consultato il 1º marzo 2008.
  20. ^ Questa Reginald McKenna ex Cancelliere dello Scacchiere, e il presidente della Midland Bank, affrontando una riunione degli azionisti della banca il 25 gennaio 1924 (registrata nel suo libro, "post-Guerra bancaria")
  21. ^ Geoffrey Dobbs, Introduzione al monopolio di credito, Bloomfied Libri, 1979, xviii, ISBN 0-904656-01-2.
  22. ^ CH Douglas, La natura della democrazia, Lega dei Diritti. URL consultato il 13 aprile 2008.
  23. ^ a b CH Douglas, realistici costituzionalismo, Lega dei Diritti. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  24. ^ CH Douglas, realistici costituzionalismo, Lega dei Diritti. URL consultato il 13 aprile 2008.
  25. ^ CH Douglas, realistici Costituzionalismo, Lega dei Diritti. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  26. ^ Douglas, CH (7 marzo 1936). "[# 1 bis ALOR - Approach to Reality l'approccio alla realtà]" indirizzo di Westminster. Australiano Lega dei diritti: Melbourne. Estratto su febbraio 28 2008.
  27. ^ Douglas, CH (30 ottobre 1936). "# 1 bis La tragedia dello sforzo umano" indirizzo presso il salone centrale, Liverpool. Australiano Lega dei diritti: Melbourne. Estratto su 2008 -02-28.
  28. ^ CH Douglas, Il Alberta Experiment, Londra, Eyre e Spottiswoode, 1937.
  29. ^ CH Douglas, la fallacia di un equilibrio di bilancio in The New English Weekly, 28 luglio 1932, pp. 346-7.
  30. ^ Glenbow Museum, Prosperità Certificazioni, Glenbow Museum. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  31. ^ CH Douglas, l'approccio alla realtà, La Lega dei Diritti. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  32. ^ CH Douglas, Una legge per la migliore gestione del credito di Alberta, vol. 17, nº 23, Liverpool, KRP Publications Ltd, 1947.
  33. ^ CH Douglas, vol. 20, nº 26, Liverpool, KRP Publications Ltd, 28 agosto 1947.
  34. ^ CH Douglas, vol. 21, 1,2, Liverpool, KRP Publications Ltd, 4-11 settembre, 1947.
  35. ^ CH Douglas, Lega dei Diritti, http://www.alor.org/Library/Policyofaphilosophy.htm#1bis. URL consultato il 1º marzo 2008.
  36. ^ CH Douglas, Breve per l'accusa, Veritas Publishing Co Pty Ltd, ISBN 0-949667-80-3.
  37. ^ Holter ES, ABC del credito sociale, Vancouver: Istituto di democrazia economica, sesta stampa, Dec. 1978, ISBN 0-920392-24-5.
  38. ^ CH Douglas, democrazia economica, 1920, p. 33, ISBN 0-904656-00-4.
  39. ^ Gorham Munson, Aladdin's Lamp: la ricchezza del popolo americano, New York, Creative Età Stampa, 1945.
  40. ^ Bryan Monahan, Perché io sono un Crediter sociale, marea Publichations, p. 3, ISBN 0-85855-001-6.
  41. ^ L'Uso di credito sociale.
  42. ^ a b CH Douglas lettera al L.D. Byrne, marzo 28 1940
  43. ^ CH Douglas, Copertina in Douglas Quarterly Review, Il Fico, Nuova Serie, vol. 1, giugno, Belfast, in Irlanda, KRP Pubblicazioni, 1954-55, pp. Copertina.
  44. ^ Libro di Michea, 4,4
  45. ^ CH Douglas, "Terra per l'(eletto) Persone" racchetta. URL consultato il 25 maggio 2008.
  46. ^ Bryan Monahan, Perché io sono un Crediter sociale, Pubblicazioni, p. 7, ISBN 0-85855-001-6.
  47. ^ Alberta ricostruzione post bellica Comitato Relazione della sottocommissione per la Finanza, 1945.
  48. ^ CH Douglas, statica e dinamica di Sociologia, Mondo politico. URL consultato il 1º marzo 2008.
  49. ^ CH Douglas, sociale di credito, New York, Gordon editore Stampa, 1973, p. 22.
  50. ^ Giovanni L Finlay, sociale di credito: Le Origini inglese, Montreal, McGill-Queen's Univ. Stampa, 1972, p. 105, ISBN 978-0-7735-0111-9.
  51. ^ Janine Stingel, discredito sociale: l'antisemitismo, di credito sociale e la risposta ebraica, Montreal, McGill-Queen's University Press, 2000, p. 13.
  52. ^ Giovanni L Finlay, sociale di credito: Le Origini inglese, Montreal, McGill - Queen 's Univ. Stampa, 1972, p. 105, ISBN 978-0-7735-0111-9.
  53. ^ Francesca Hutchinson, Economia Politica sociale di Credito e il socialismo Guild, Regno Unito, Routledge, 1998, ISBN 978-0-415-14709-5.