Coproduzione condizionata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
« La coproduzione condizionata, questa e non altra noi chiamiamo la vacuità. La vacuità è una designazione metaforica. Questa e non altro la via di Mezzo. »
(Nāgārjuna, Mūla-madhyamaka-kārikā)

La coproduzione condizionata, detta anche originazione interdipendente o genesi dipendente (sanscrito pratītyasamutpāda, pāli: paṭicca samuppāda, cinese: 十二緣 pinyin shieryuan, giapponese: 十二因縁 jūni innen, tibetano: rten 'brel yan lag bcu gnyis), è una dottrina del Buddhismo che spiega il prodursi dei fenomeni legati all'esistenza secondo una logica di causa ed effetto. L'individuazione del ciclo di cause che vanno rimosse per giungere al nirvana (sans., nibbāna, pāli) è un punto centrale della pratica buddhista. Il significato e il ruolo attribuito a questa dottrina varia a seconda degli insegnamenti delle differenti scuole buddhiste.

Una sua formulazione completa compare ad esempio in questo estratto del canone cinese:

« Il Buddha disse: "Che cos'è che si chiama senso primo della Coproduzione condizionata? Perché esiste quello, esiste questo ... Condizionate dall'ignoranza compaiono i coefficienti karmici; condizionata dai coefficienti compare la coscienza; condizionati dalla coscienza compaiono nome e forma; condizionati da nome e forma compaiono i sei sensi; condizionati dai sei sensi compare il contatto; condizionata dal contatto compare la sensazione; condizionata dalla sensazione compare la "brama"; condizionata dalla brama compare l'attaccamento; condizionata dall'attaccamento compare l'esistenza; condizionata dall'esistenza compare la nascita; condizionate dalla nascita compaiono vecchiaia e morte, tristezza e sofferenza. È ciò che si chiama il grande aggregato intero dei dolori. È tale ciò che si chiama il senso primo della Coproduzione condizionata »
(Gautama Buddha, Nidānasūtra T.D. 124, 547b-548a)

Il ciclo delle cause ed effetti comprende un certo numero di anelli (nidana), che negli insegnamenti appaiono in numero variabile, da nove a dodici, e anche di volta in volta con elementi diversi. Una delle formulazioni più ricorrenti è però la seguente[1]:

  • Da avidyā (sanscrito; pāli: avijjā; cinese: 無明 wúmíng; giapp.: mumyō; tib.: ma rig pa), ignoranza, mancanza di comprensione della verità, si produce saṃskāra (sanscrito; pāli: saṃkhāra; cinese: 行 xíng; giapp.: gyō; tib.: 'du-byed), l'insieme delle formazioni o coefficienti karmici che ci inducono ad attaccarci all'esistenza
  • Dai coefficienti si produce vijñāna (sanscrito; pāli: viññāṇa; cinese: 識shí), la coscienza, che comprende la consapevolezza delle sensazioni, oltre all'attività mentale
  • Dalla coscienza si produce nāma-rūpa (sanscrito e pāli; cinese: 名色 míng sè), nome e forma, vale a dire l'aspetto psicofisico
  • Da nome e forma si producono le ṣaḍāyatana (sanscrito; pāli: saḷāyatanaṃ; cinese: 六入liù rù), le sei basi dei sensi (occhi, orecchie, naso, lingua, corpo e mente)
  • Dalle basi dei sensi si produce sparśa (sanscrito; pāli: phassa; cinese: 觸 chù), il contatto tra i sensi e la coscienza sensoriale
  • Dal contatto si produce vedanā (sanscrito e pāli; cinese: 受 shòu), la sensazione
  • Dalla sensazione si produce ṭṟṣṇā (sanscrito; pāli: taṇhā; cinese: 愛 ài), la brama
  • Dalla brama si produce upādāna (sanscrito e pāli; cinese: 取 ), l'attaccamento
  • Dall'attaccamento si produce bhava (sanscrito e pāli; cinese: 有 yǒu), l'essere, il divenire;
  • Dall'essere si produce jāti (sanscrito e pāli; cinese: 生 shēng), la nascita
  • Dalla nascita si produce jarāmarana (sanscrito; pāli: jarāmaraṇaṃ; cinese: 老死 lǎo sǐ), la vecchiaia e la morte.
Bhavacakra, la ruota dell'esistenza

Questa catena di causa-ed-effetto può essere letta ed interpretata in più modi. Ad esempio potrebbe essere considerata un ciclo e quindi ogni punto potrebbe essere considerato come quello iniziale: si potrebbe partire da avidyā, da nāma-rūpa o da vedanā. I dodici anelli, sul cui esatto significato si discute fin dall'antichità ma che probabilmente hanno sempre avuto più significati, sono stati divisi idealmente in tre gruppi: il primo, comprendente i primi due anelli, riguarda l'esistenza passata; il secondo, comprendente gli anelli dal terzo al decimo, si riferiscono all'esistenza presente; il terzo, che include gli ultimi due anelli, riguarda l'esistenza futura.

Nell'iconografia buddhista la coproduzione condizionata è raffigurata con l'immagine della Ruota dell'esistenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedasi ad esempio: Venerabile dott. Balangoda Ānanda Maitreya, Mahānāyaka Thera Abhidhaja Maharatthaguru, Aggamahā Paṇḍita DLitt D Litt (1896-1998), Jayasīlī (Jacquetta Gomes BA DipLib MLS FRAS ALA), Introducing Buddhism, Londra, The Buddhist Society, p. 50.